eDesk logo

PayPal Chargeback: Guida essenziale per i venditori eCommerce

Agosto 12, 2020 5 min read
PayPal Chargeback
Contents

Share this article

Quando si tratta di controversie sulle transazioni, PayPal è noto per stare dalla parte del cliente. Ma i chargeback di PayPal sono leggermente diversi, perché i venditori devono trattare con la società della carta di credito dell’acquirente.

I chargeback di PayPal possono costare ai venditori eCommerce tempo e denaro. Il processo può anche vincolare i fondi e avere un impatto sul flusso di cassa. Ecco quindi tutto quello che c’è da sapere su come rispondere a loro nel tentativo di recuperare i pagamenti dei prodotti.

Cos’è un Chargeback di PayPal?

Un chargeback PayPal avviene quando un cliente chiede alla compagnia della sua carta di credito di annullare una transazione.

Anche se possono avviare una controversia o un reclamo con PayPal per richiedere un rimborso, alcuni clienti preferiscono andare direttamente al fornitore della loro carta di credito. Quando bypassano PayPal per richiedere un chargeback, questo significa che stanno contestando un pagamento e vogliono un rimborso completo per il loro acquisto.

In questa situazione, PayPal non risolve la controversia. Fornisce semplicemente le informazioni sull’acquisto alla compagnia della carta di credito per conto dei suoi clienti. L’emittente della carta di credito o di debito deciderà poi se attuare o meno un chargeback. Le decisioni si basano sulle loro politiche, che variano da azienda a azienda.

Tuttavia, PayPal congela una parte del denaro sul tuo conto nel caso in cui sia necessario un rimborso. Se molti dei tuoi clienti fanno richieste di Chargeback PayPal, la quantità di denaro che PayPal trattiene da te può aumentare. Quindi fate quello che potete per evitare i chargeback.

Perché potresti avere un Chargeback di PayPal

Ecco alcuni dei motivi per cui un cliente potrebbe richiedere un Chargeback PayPal per qualcosa che ha acquistato dal tuo negozio:

  • Il prodotto che hanno ordinato non è arrivato
  • Il loro ordine era danneggiato o difettoso all’arrivo
  • Sono stati addebitati due o più volte per un singolo acquisto
  • Il cliente non ha ricordato o riconosciuto il pagamento
  • Il pagamento non è stato autorizzato dal proprietario della carta

Occasionalmente, anche i chargeback fraudolenti di PayPal possono essere un problema. Una delle truffe di eCommerce più comuni si verifica quando gli acquirenti dicono che un ordine non è stato consegnato o è difettoso quando in realtà tutto era a posto. Non ci sono leggi che regolano questo tipo di chargeback, quindi può essere difficile per i venditori eCommerce contestarli.

Tuttavia, ci sono passi che possono prevenire le possibilità di frode in primo luogo. Fai attenzione agli ordini da paesi ad alto rischio, alle email con molte lettere e numeri casuali e alle email che rimbalzano. Anche gli ordini con attività strane, come il cambio di indirizzo di consegna, dovrebbero far scattare gli allarmi.

Sono disponibili strumenti per aiutare i venditori a segnalare acquisti potenzialmente fraudolenti. Per esempio, tutti i piani Shopify sono dotati di un certo livello di analisi delle frodi. Poi, anche aziende del calibro di MasterCard e FraudLabs Pro offrono strumenti per aiutare i negozi di eCommerce a rilevare i problemi.

Come funzionano i chargeback di PayPal

Una volta che un cliente inizia il processo di chargeback, il fornitore della sua carta di credito lo fa sapere a PayPal che congelerà i relativi fondi sul tuo conto.

I venditori vengono quindi informati della richiesta di chargeback. Hanno dieci giorni per rispondere al reclamo presentato dall’acquirente e fornire informazioni che possono aiutare a contestare il chargeback.

Secondo PayPal, un chargeback può essere avviato 120 giorni o più dopo che un ordine è stato elaborato per la prima volta. Quindi assicuratevi di mantenere i vostri registri di vendita in buon ordine.

Gli acquirenti ricevono anche un’e-mail dal fornitore della loro carta e gli viene chiesto di fornire le prove della loro richiesta.

Come rilasciare il pagamento!

Quando si ha a che fare con un chargeback di PayPal, è necessario essere pazienti e mantenere la calma – anche se si crede che il chargeback sia fraudolento o falso.

Devi rispondere alla notifica in modo calmo e tempestivo nel Centro di risoluzione di PayPal. In caso contrario, potresti rischiare che altre trattenute vengano messe sul tuo conto.

Passo 1: presentare la documentazione pertinente

Se credi che un chargeback sia ingiustificato, puoi contestare la richiesta.

Per farlo, accedi al tuo conto PayPal e vai al Centro risoluzioni. Da qui, puoi rispondere all’avviso di chargeback di PayPal. Fornire qualsiasi informazione, documentazione o prova che possa aiutarla a dimostrare la falsità del reclamo. Questi possono includere:

  • Registrazioni di transazioni
  • Prova della spedizione, come foto di etichette di spedizione o informazioni di tracciamento
  • Foto di prodotti confezionati

Hai 10 giorni per rispondere a una notifica di chargeback.

Passo 2: lavorare con il team di chargeback di PayPal

In definitiva, è la banca o la compagnia della carta di credito che valuterà la documentazione e deciderà se approvare o meno un chargeback. Tuttavia, PayPal ha un team di specialisti di chargeback che ti aiutano a camminare attraverso il processo. Sia voi che lo specialista potete comunicare avanti e indietro riguardo all’appello.

Uno di questi specialisti prenderà la documentazione presentata e contesterà il chargeback per suo conto.

Fase 3: il gioco dell’attesa!

PayPal dice che la maggior parte dei casi di chargeback sono solitamente risolti entro un mese. Ma le compagnie di carte di credito hanno fino a 75 giorni per prendere una decisione. A volte, può richiedere anche più tempo.

Se la decisione va a tuo favore, la transazione andrà avanti e PayPal ti rilascerà il fondo. Se non lo fa, la transazione viene annullata e il cliente riceve indietro i suoi soldi.

Commissioni di chargeback e rimborsi PayPal

Sfortunatamente, ogni richiesta di chargeback di PayPal ha un costo per il venditore eCommerce – che il chargeback abbia successo o meno.

PayPal prende una tassa direttamente dal tuo conto per coprire il costo di facilitare ed elaborare il chargeback. Per gli acquisti con PayPal in dollari USA, la tassa è un pesante 20 dollari. E a differenza di Stripe, non si può scegliere di pagare per la copertura di chargeback.

Tuttavia, se il tuo account e l’ordine in questione soddisfano determinati criteri, puoi ottenere il rimborso della tassa con la politica di protezione del venditore di PayPal.

Infatti, se un reclamo di chargeback va contro di voi, potreste anche avere il diritto di reclamare indietro l’intero importo dell’acquisto. Ma il programma di protezione del venditore di PayPal ha le sue regole e qualifiche per ogni scenario.

I requisiti di base per utilizzare il programma includono:

  • Un indirizzo negli Stati Uniti
  • La vendita di prodotti fisici
  • L’indirizzo di consegna del cliente non può essere cambiato dopo la spedizione
  • Il venditore deve aver risposto alla richiesta di documentazione di PayPal in tempo

A seconda delle circostanze che circondano il chargeback, ci possono essere anche altri requisiti. Per esempio, una richiesta di chargeback che contesta la consegna richiederà una prova di consegna. Puoi trovare i dettagli completi sull’ammissibilità qui.

Pensieri finali

Trattare con un Chargeback di PayPal è abbastanza semplice. Ma il processo può richiedere molto tempo e anche i costi possono aumentare.

È meglio prendere provvedimenti per evitare i chargeback di PayPal. Comunicazioni chiare, elenchi accurati di prodotti e foto dettagliate possono aiutare a ridurre le possibilità di chargeback che vincolano i tuoi fondi.

Dovresti anche avere cura di implementare una grande strategia di supporto al cliente. La maggior parte dei clienti si rivolge a un venditore prima di contattare il fornitore della propria carta di credito. Quindi assicurati di rispondere ai messaggi in modo rapido e appropriato per ridurre il numero di Chargeback PayPal associati al tuo conto.

Prova un modo migliore per supportare i tuoi clienti. Iscriviti oggi stesso per una prova di 14 giorni. Nessuna carta di credito necessaria.

Prova gratuitamente eDesk

See our Privacy Notice for details as to how we use your personal data and your rights.

Vedi la nostra Informativa sulla privacy per i dettagli su come utilizziamo i tuoi dati personali e i tuoi diritti.