eDesk logo

Direct to consumer: the D2C eCommerce revolution!

Ultimo aggiornamento Luglio 7, 2023 6 min da leggere
D2C eCommerce
Contenuti

Condividi questo articolo

Tired of handing your profits to retailers? Wondering about the benefits of direct to consumer (D2C) eCommerce? We’re weighing up the pros and cons in this handy guide.

Retail is no stranger to seismic shifts in its landscape. The traditional supply chain still works for some businesses, but will this be the case forever? The evolution of eCommerce is driven by the customer; why distance yourself from the beating heart of progress?

For businesses thinking about selling direct to consumers, the evidence is compelling and the rewards can be huge. If you do it right.

What is the direct to consumer eCommerce model?

Traditionally, manufacturers sell to customers via a chain of wholesalers, distributors, and retailers. In D2C eCommerce, manufacturers cut out those middlemen and sell to customer themselves.

The traditional retail supply chain

The traditional supply chain is a child of brick-and-mortar retail. Realistically, customers aren’t going to physically visit your factory and queue up to buy. You might have one facility producing goods for an entire country, asking someone to drive across the land to buy replacement car parts is a big ask.

That makes the logistics of shipping, warehousing, and distribution necessary. De-centralizing the number of locations where customers can access your products increases their availability and enables sales.

That was then.

The rise of direct to consumer eCommerce

The meteoric rise of eCommerce lets customers buy from wherever and get stuff delivered wherever. Stock can be stored on site where it’s manufactured and distributed to customers via your own fulfillment service.

Remember, all those wholesalers, distributors, and retailers from the traditional model are going to take their fair cut from the process. D2C cuts out the middlemen, streamlining things. This translates to savings which you can split with your customer.

If it sounds like a no-brainer so far, you might want to hold your horses. See, the term ‘middleman’ is often spat like a dirty word in business, almost synonymous with ‘parasite.’ In the real world, that’s simply not the case.

Those middlemen are doing an essential job getting your product in front of customers. Logistics, marketing, customer service; all these and more become your responsibility if you decide to go down the direct route. A solid strategy is essential, so you need to ask yourself…

Should your business use the D2C eCommerce model?

This is almost a trick question. Regardless of whether your business goes for the direct to consumer eCommerce approach or not, your customer definitely is.

Follow the customer!

Studies show as many as 59% of customers research purchases directly on a brand’s site, and 55% now prefer to buy direct from manufacturers rather than retailers.

In the US, 40% of shoppers expect to be making over 40% of their purchases from D2C brands in the next five years. As technology advances to erase the friction from this model, those stats are only likely to increase.

So, if you’re following your customer, the smart money is on D2C. It bears repeating that the Blockbusters of this world went the way of the dodo because they refused to adapt to changing consumption habits.

Take control of your brand

Perhaps the biggest advantage of D2C eCommerce is that you take full control over you brand conversation.

Your eCommerce marketing efforts become fully focused on customers, not wholesalers and distributors, some of whom are engaged in their own marketing efforts.

This lets you focus your messaging with a precision which wasn’t possible before. You can create a personalised digital experience for customers, saving their preferences and targeting marketing to deliver maximum value.

With that being said, if you’re transitioning from a traditional supply chain to a D2C model, you’re going to have to have a tough conversation with your existing wholesalers, distributors, and retailers.

The change might not happen overnight, or you might prefer a hybrid model where you sell both D2C and through middlemen. But history shows that making the jump can be highly lucrative.

D2C examples and success stories

Thankfully, your business doesn’t exist in a vacuum. By studying the examples set by successful D2C pioneers, you take some of the sting out of the transition. A good place to start would be these three D2C eCommerce megastars who knocked it out of the park.

Dollar Shave Club

Popular D2C brand Dollar Shave Club

Dollar Shave Club almost need no introduction by now. They saw that the ‘blades and razors’ model of selling a cheap base product with costly top-ups had become outdated.

They seized the initiative with a low-cost customizable subscription model. Customer service is central to their success. Subscriptions can be cancelled any time, returns are easy, and the site is a dream to navigate.

But we all know the real triumph of Dollar Shave Club is their viral video which, at the time of writing, sits on a cosy 26.8 million YouTube views. Proof that bold, clever marketing statements still cut through the noise.

Casper

Casper

Casper Beds didn’t just spot a tiny niche in their market’s purchase journey. They realized the whole process of buying a bed was deeply unpleasant and decided to do something about it.

One of the objections to the D2C eCommerce model is that customers want choice, that they’ll prefer to compare several products rather than be restricted to one product for one purpose from one supplier. Casper turned this misconception on its head by limiting their range to one fine-tuned product.

By providing one great bed at a fair price, direct to your door, they sold $100 million worth of these beds in two years. This was driven by a meticulous SEO strategy to break through and get seen. It wasn’t easy or cheap, but it was worth it.

Soylent

Soylent

Then there’s Soylent, whose agility and connection with their audience are astounding. Marketed to the tech geek crowd, these meal replacements are constantly reinvented and given ‘version numbers’ as one would do when iterating software.

Such is the strength of the dialogue between Soylent and their audience that their branded subreddit currently has over 36,100 members, and still develops products in line with feedback from these users.

The brand has taken a few knocks in its history, it was famously banned in Canada, but there’s a lesson to be learned there for any aspiring D2C brand. A strong connection to the audience helps you weather the storm. After all, when you name yourself after a sci-fi food which was made from people, you’re definitely signalling to the tribe.

A common theme among successful D2C eCommerce brands

If you’ve spotted something connecting these three stories, it’s their ability to leverage the digital sphere to get themselves in front of the right people.

The importance of eCommerce marketing in the D2C world can’t be overstated.

Perfecting your digital marketing strategy for D2C eCommerce

D2C eCommerce is made possible by digital channels, particularly social media where much of today’s marketing happens. That’s where the hard work begins, because digital marketing is a highly competitive arena demanding a solid strategy.

Social media marketing

Social media marketing isn’t the free exposure it once was. Many platforms now require paid ads to gain any traction, so be sure your money is going to the right places. If you’re a wholesaler thinking of switching to direct to consumer eCommerce, make sure you factor this cost in!

LinkedIn is a good place to sell office supplies, but you won’t sell much clothing there. Likewise, Instagram is a hotspot for flashy accessories, but less useful for corporate branded merchandise.

Search engine optimisation

(SEO) ensures you’re speaking your customers’ language by using the right keywords in the right places. Optimizing your website secures exposure for your brand, while optimizing product titles and descriptions gets eyes on the goods and drives sales.

It’s not easy though, and can take time to generate traffic. In some ways this is a longer-term initial investment for business looking to go down the direct to consumer route.

User-generated content

User generated content is perhaps the greatest testimonial of all. It’s also a marketing tactic that is digital in nature and therefore favors D2C eCommerce merchants.

Ask happy customers to upload themselves to social media using your product, along with a short snappy custom hashtag, and you’re golden. Leveraging Facebook groups and Reddit to build a vibrant, engaged community is always time well spent. It won’t cost you anything either!

Influencer marketing

Influencer marketing lets you target pre-existing communities within your eCommere niche. You don’t need to spend Kylie Jenner money either. A well-planned campaign backed by a handful of micro-influencers on Instagram can get eyes on your brand and spark a conversation.

Review your digital strategy periodically, say every six months. This lets you communicate with consistency while still reacting to changing trends and customer behavior.

Related article: 20 Essential eCommerce Marketing Tactics for 2020

eDesk takes the stress out of D2C eCommerce

Whatever channels you use to when selling direct to consumer, you’ll need to give all your new customers the care and support they deserve. Using eDesk, the world’s leading eCommerce customer service software, is the best way to provide that.

eDesk integrates with every major online marketplace in the world, as well as all your social channels and inventory management software. This means you’ll have a single place for all incoming customer queries, with the required information to solve their issue immediately to hand.

As well as a consolidated inbox, eDesk has several time-saving features to make eCommerce customer service a walk in the park. The magic wand feature uses artificial intelligence to suggests suitable responses to customer questions. This enables you to solve customer support tickets with the click of a button.

Sapevate che l’anno scorso oltre il 60% degli acquisti al dettaglio online negli Stati Uniti è stato effettuato tramite Amazon? Il dominio di Amazon sul commercio elettronico è ben consolidato, con 9,1 milioni di venditori Amazon attivi in tutto il mondo e una media di 66 mila ordini al giorno. I venditori più recenti potrebbero chiedersi come fare per ottenere più vendite su Amazon in un ambiente così competitivo.

La verità è che possono assolutamente farlo, perché la quota di mercato in crescita di Amazon offre molte opportunità. Abbiamo stilato questo elenco di 14 mosse rapide e strategiche per aiutarvi a migliorare il vostro gioco e a vendere di più su Amazon.

1. Ricerca di parole chiave

Avere le parole chiave giuste può essere una delle tattiche più importanti per raggiungere il vostro pubblico di riferimento. L’obiettivo è utilizzare le parole chiave più comuni nelle ricerche dei vostri prodotti, ma l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) è un gioco in continua evoluzione. Ciò significa che le parole chiave utilizzate con successo in passato potrebbero non essere altrettanto efficaci con gli algoritmi aggiornati dei motori di ricerca.

I termini utilizzati dai clienti per trovare i prodotti cambiano ogni giorno e sono influenzati da fattori stagionali, culturali ed economici. Per questo motivo, è importante rimanere al passo con le ultime tendenze SEO e assicurarsi di gettare un’ampia rete quando si implementano le parole chiave per ciascun annuncio di prodotto.

Ogni prodotto deve essere ottimizzato con il maggior numero possibile di parole chiave pertinenti, anche centinaia! In questo modo avrete le migliori possibilità di far trovare i vostri prodotti ai clienti, aiutandovi a vendere di più su Amazon.

Gli strumenti di ricerca delle parole chiave di Amazon, come Helium 10, SellerApp, Jungle Scout e AMZ One, possono aiutarvi a generare un elenco di parole chiave correlate con il volume di ricerca, il livello di concorrenza e altre metriche utili, rendendo più facile la scelta delle parole chiave migliori per l’inserimento dei vostri prodotti.

2. Utilizzare uno strumento di repricing per ottenere più vendite su Amazon

Quando si tratta di concludere l’affare e di concludere una vendita, il prezzo è un fattore decisivo per molti clienti. In qualità di venditore su Amazon, si vuole sempre essere sicuri di fissare un prezzo competitivo per i propri prodotti, ma allo stesso tempo non si vuole perdere il proprio margine!

L’ utilizzo di un software di repricing può essere d’aiuto in questo senso. Il software di repricing automatizza il processo di determinazione dei prezzi in tempo reale, assicurando che i vostri prezzi rimangano in linea con quelli della concorrenza e con le fluttuazioni del mercato, mentre voi ottenete più vendite su Amazon.

Il software di repricing ha anche molte funzioni personalizzabili che consentono di impostare i prezzi a livelli ottimali per favorire le vendite, senza compromettere i profitti. Vale la pena di fare una prova per vedere come può aiutare ad aumentare le vendite.

3. Ottenere più recensioni su Amazon

Le recensioni online sono importanti per diffondere la fiducia attraverso il passaparola e per costruire la credibilità del vostro marchio. È anche un dato di fatto che il 72% degli acquirenti non acquisterà prima di aver letto le recensioni di un prodotto da parte di persone simili a loro, persone di cui si fidano.

Anche un prodotto forte con un ottimo marketing alle spalle deve superare la paura dell’ignoto se non c’è una prova sociale. Inoltre, le recensioni positive sono un fattore importante per decidere quali prodotti si aggiudicano la Buy Box di Amazon.

Ottenete più recensioni su Amazon incoraggiando le risposte dei vostri clienti. Il modo migliore per farlo è utilizzare un software di risposta per automatizzare il processo.

4. Fornire un ottimo servizio clienti

Il servizio clienti è assolutamente essenziale nell’e-commerce. Offrire un servizio clienti di alta qualità non solo aggiunge valore, ma aiuta a fidelizzare i clienti. Una parte importante della vendita consiste nell’assicurare al cliente che può fidarsi di voi e che la fiducia è duramente guadagnata ma facilmente persa. Fornire un buon servizio clienti per l’e-commerce è fondamentale, e impegnarsi a fornire un ottimo servizio clienti lo è ancora di più!

In qualità di venditore Amazon, è necessario essere al top del servizio clienti. La reattività, la cordialità e i processi di risoluzione rapidi e semplici sono tutti ingredienti che rendono vincente l’approccio a un ottimo servizio clienti.

Ma può essere confuso cercare di razionalizzare il tutto. Per fortuna, sono disponibili strumenti di ogni tipo per facilitare questo lavoro, come il software di helpdesk per tenere tutte le interazioni con i clienti in un unico posto. Questo vi aiuta a rispondere in modo rapido e preciso alle richieste dei clienti, in modo che questi sappiano sempre che siete al loro fianco.

5. Sfruttare gli strumenti per i venditori Amazon

La parte migliore dell’essere un venditore Amazon è che non dovete fare tutto da soli. Sono disponibili numerosi strumenti per aiutarvi a massimizzare la vostra attività e a ottenere il massimo dalla vendita su Amazon, che sia di terzi o FBA.

Dagli strumenti di repricing, al software di help desk, al software per le recensioni e persino all’assistenza per le spedizioni, oggi esistono sul mercato molti strumenti che aiutano specificamente i venditori Amazon a ottimizzare le loro inserzioni, i prezzi, i feedback, le spedizioni, il servizio clienti e persino le tasse.

Esistono molti strumenti di vendita diversi, per cui vale la pena di informarsi sulle opzioni disponibili e decidere con cognizione di causa quali scegliere per la propria azienda. Con gli strumenti giusti, potete far crescere la vostra attività più di quanto abbiate mai pensato.

6. Ottenere più vendite su Amazon con gli annunci

L’esecuzione di annunci è quasi garantita per aiutarvi a ottenere più vendite su Amazon, ma è facile limitarsi a buttare soldi e sperare per il meglio. Si può fare di meglio! Prestate attenzione alla metrica del costo pubblicitario delle vendite (ACOS), ovvero alla quantità di spesa pubblicitaria necessaria per realizzare una vendita.

Facendo pubblicità in modo più efficiente, si riduce l’ACOS e si ottiene un maggiore guadagno. Con il tempo, imparerete cosa funziona e potrete adottare una strategia per la gestione degli annunci. L’adozione di un approccio alle inserzioni Amazon basato sull’intuizione si traduce in un’attività Amazon più redditizia!

7. Ottimizzare le pagine dei prodotti

Il vecchio detto dice che l’80% dei lettori non va oltre il titolo di un contenuto. Ciò significa che una volta scritto il titolo del prodotto, avete effettivamente speso 80 centesimi del vostro dollaro.

Quando si scrivono i titoli dei prodotti, attenersi alla formula:

  • Nome del marchio
  • Nome del prodotto
  • Caratteristiche (dimensioni, colore, sesso, ecc.).

In questo modo è possibile includere le parole chiave giuste nell’ordine giusto per dire immediatamente agli acquirenti che questo è il prodotto che fa per loro.

Inoltre, anche la progettazione visiva delle pagine dei prodotti, in modo che siano pulite, semplici e facili da leggere, contribuirà a conquistare gli acquirenti. Nessuno vuole leggere una pagina ingombra. Quanto più semplice (ma informativo) e pulito è il vostro design, tanto più avrete la possibilità di conquistare quegli sfuggenti bulbi oculari!

8. Vincere la Buy Box di Amazon

Il modo più rapido per aumentare le vendite su Amazon è assicurarsi che i vostri prodotti compaiano costantemente nel riquadro di acquisto di Amazon (l’area in alto a destra di una pagina di prodotto, dove gli acquirenti possono “Aggiungere al carrello” o “Comprare ora”). Questo perché oltre l’82% delle vendite avviene attraverso questo spazio molto ricercato.

Anche se la formula esatta per vincere la Buy Box non è nota, ci sono alcuni elementi che sappiamo essere essenziali. Si tratta principalmente di metriche che dimostrano che il venditore sta fornendo una buona esperienza al cliente. Le recensioni dei clienti giocano un ruolo importante. Più recensioni positive riesce ad accumulare un venditore, più aumenta la probabilità di aggiudicarsi la Buy Box.

Oltre alle recensioni, un altro aspetto molto importante per gli acquirenti di Amazon è il prezzo! Utilizzando un software di repricing, è possibile impostare automaticamente i prezzi al livello ottimale per vincere la Buy Box e massimizzare i profitti, anche se si dispone di un enorme inventario.

9. Valutazione della salute dell’account Amazon

La valutazione dello stato di salute dell’account Amazon (AHR) è una nuova funzione che aiuta a monitorare lo stato di salute dell’account in base alla sua aderenza alle politiche dei venditori Amazon.

Vengono presi in considerazione sia i fattori negativi (come il numero di violazioni di policy non risolte sul vostro conto) sia i fattori positivi (come il vostro conto influisce positivamente sull’esperienza del cliente attraverso le sue attività di vendita).

A ogni account viene assegnato un punteggio, che viene regolarmente rivisto in quanto Amazon monitora le prestazioni dei suoi venditori. Se il vostro account non è in linea con gli obiettivi, verrete avvisati in modo da poter migliorare le vostre prestazioni. Al contrario, un buon rating AHR giocherà a vostro favore, aiutandovi a garantire ai clienti che stanno facendo affari con un venditore conforme.

10. Mantenere lo SLA di Amazon

Una parte importante dell’attività di venditore consiste nel coltivare la fiducia dei clienti. Ciò significa dimostrare loro che operate in modo trasparente e che manterrete la vostra promessa di adempimento nei loro confronti. Un modo per farlo è assicurarsi che il vostro negozio Amazon abbia un Service Level Agreement (SLA). Si tratta di una promessa ai clienti che riceveranno i loro ordini in tempo. Per quanto riguarda l’evasione, lo SLA si basa sulla capacità di evadere gli ordini aperti e sulla puntualità di spedizione e consegna.

Gli SLA aiutano a gestire le aspettative dei clienti definendo gli standard e delineando le circostanze in cui il venditore non sarà responsabile per le promesse non mantenute (ad esempio, disastri naturali che impediscono la spedizione, ecc.)

La soluzione di assistenza clienti di eDesk è progettata per avvisarvi quando il vostro SLA sta per scadere, in modo che la vostra azienda non rimanga mai senza. Un SLA aggiornato vi aiuta a mantenere la trasparenza nei confronti dei clienti, creando così un clima di fiducia che contribuisce alla loro fidelizzazione.

11. Concentrarsi su prodotti già venduti

La maggior parte degli imprenditori ambiziosi vuole sperimentare nuovi flussi di entrate, ma è importante non perdere di vista le cose che vi fanno guadagnare ora.

Raddoppiando i prodotti che già forniscono al vostro negozio Amazon un flusso di entrate affidabile, non solo soddisfate la domanda del mercato, ma vi assicurate di avere la possibilità finanziaria necessaria per rischiare su nuovi prodotti innovativi, se necessario.

Esaminate i bilanci ogni trimestre e osservate gli articoli che hanno un rendimento migliore nel vostro negozio. Pensate a come continuare a commercializzarli con annunci, parole chiave SEO e immagini aggiornate per massimizzare il loro potenziale di vendita nel vostro negozio online.

12. Sincronizzare l’inventario

L’inventario può essere un delicato gioco di equilibri. Se tenete troppe scorte per troppo tempo, dovrete pagare più del dovuto per immagazzinarle. Ma se le scorte sono troppo scarse, si perdono vendite vitali o addirittura clienti a causa dell’incapacità di soddisfare le richieste. Amazon può anche penalizzarvi se le prestazioni del vostro inventario non sono all’altezza degli standard.

Il controllo delle scorte è un aspetto che ogni venditore deve comprendere e gestire per ottenere risultati ottimali. Una gestione intelligente dell’inventario è un modo poco apprezzato per aumentare le vendite e il margine di profitto su Amazon. Fortunatamente esistono strumenti che possono aiutare. Investire negli strumenti e nei software giusti può aiutare i venditori a eliminare lo stress di bilanciare domanda e offerta.

13. Espandersi in nuovi mercati Amazon

Amazon ha attualmente 20 marketplace in tutto il mondo, tra cui Stati Uniti, Canada, Messico, Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Spagna, Giappone, Singapore, Brasile, Australia e altri ancora.

È possibile scalare il proprio marchio entrando in alcuni di questi marketplace. Ciò può comportare l’esecuzione di ricerche di mercato per scoprire quali prodotti sono popolari in ciascun mercato e quindi il potenziamento delle operazioni di spedizione per essere in grado di spedire a livello globale.

Ma l’espansione in nuovi mercati significa anche che dovrete prendere in considerazione la lingua e localizzare le vostre inserzioni in modo che presentino la lingua locale di ciascun mercato e le parole chiave SEO nella lingua appropriata. È inoltre necessario un servizio clienti multilingue per poter assistere i clienti di vari mercati nella loro lingua locale.

Sembra complicato? La soluzione di help desk di eDesk è progettata per supportare il servizio clienti e il flusso di lavoro in più lingue, in modo che possiate espandere la vostra attività senza dover investire in spese generali per l’assunzione di un team globale.

14. Spiare i concorrenti

Ok, forse “spiare” è un po’ esagerato, ma i venditori redditizi sono sempre alla ricerca di ciò che fanno i loro concorrenti. Dovete assicurarvi di offrire l’inventario giusto per il vostro mercato ai prezzi giusti. Il software di repricing controlla questo aspetto per voi, eliminando le congetture sul prezzo corretto.

L’utilizzo dei dati ricavati dalla reportistica dell’helpdesk può anche aiutarvi a raccogliere preziose intuizioni e feedback dai vostri clienti, che vi aiuteranno a capire meglio ciò che i clienti desiderano e di cui hanno bisogno. Agire sulla base di intuizioni analitiche provenienti da report di facile lettura significa essere sempre un passo avanti rispetto alla concorrenza.

Pensieri finali

La ricerca di un aumento delle vendite del vostro negozio su Amazon non deve essere una lotta in salita. Oggi i venditori Amazon hanno a disposizione molte risorse che li aiutano a ottimizzare il loro negozio e a sviluppare una sana pipeline di vendita.

Rimanendo in contatto con la crescita della piattaforma Amazon e utilizzando gli strumenti tecnologici giusti per guidare la vostra attività, potete continuare a fare ciò che sapete fare meglio: costruire un grande marchio, conquistare clienti, fidelizzare i clienti esistenti e migliorare i vostri profitti.

Cercate altri grandi contenuti come questo? Di seguito abbiamo raccolto un elenco di risorse correlate.