eDesk logo

eCommerce warehousing: tutto quello che devi sapere!

Ultimo aggiornamento Gennaio 16, 2023 6 min da leggere
Contenuti

Condividi questo articolo

L’eCommerce warehousing è un aspetto spesso trascurato dai negozi eCommerce di piccole e medie dimensioni. Si è tentati di concentrare il tempo e l’attenzione sul marketing eCommerce e sull’aumento dei tassi di conversione delle pagine dei prodotti.

Non essere uno di quei venditori!

Se sognate che il vostro negozio eCommerce superi il vostro garage, è il momento di abbracciare l’eCommerce warehousing. Continuate a leggere per conoscere i diversi tipi di magazzini eCommerce e i vantaggi di ciascuno.

Cos’è l’eCommerce warehousing?

L’eCommerce warehousing è il processo di stoccaggio delle vostre merci prima che siano vendute online.

L’eCommerce warehousing è più di un semplice posto per tenere il vostro stock, tuttavia. Si tratta anche di immagazzinare i vostri prodotti in modo sicuro e protetto, tracciare lo stato delle scorte del vostro intero inventario del negozio e tenere traccia del movimento dei vostri articoli.

La gestione del magazzino eCommerce è un lavoro in sé. Come probabilmente sapete di prima mano, diventa estremamente difficile gestire il magazzino da soli, specialmente quando il vostro negozio cresce. Ecco perché molti proprietari di negozi eCommerce guardano ai magazzini eCommerce professionali per gestirli per loro.

Diversi tipi di magazzini per l’eCommerce

Tutti i magazzini eCommerce servono le stesse funzioni di base, ma ce ne sono diversi tipi. Ognuno offre vantaggi distinti per diversi tipi di business eCommerce.

1. Magazzini privati

I magazzini privati sono di proprietà di grossisti privati, distributori o grandi rivenditori che affittano lo spazio a piccoli venditori. Questi tendono ad avere sistemi di gestione del magazzino eCommerce più avanzati, e di conseguenza possono essere più costosi. Solo negli Stati Uniti, i magazzini privati sono cresciuti di quasi il 20% nell’ultimo decennio.

2. Magazzini pubblici

I magazzini pubblici sono simili ai magazzini privati, tranne che sono di proprietà di agenzie governative che prestano lo spazio a imprese e individui. Questi possono essere di base in termini di funzionalità, ma coprono le basi e sono accessibili.

3. Magazzini governativi

I magazzini governativi sono un’altra opzione conveniente. A differenza dei magazzini pubblici, l’agenzia di gestione ha un maggiore controllo. Questo si traduce spesso in una maggiore sicurezza, che è ideale per i negozi che vendono articoli di alto valore. Tuttavia, se non paghi l’affitto, possono vendere i tuoi prodotti per recuperare i loro costi.

4. Centri di distribuzione

I centri di distribuzione sono progettati per la massima efficienza e l’adempimento del magazzino. I prodotti tendono ad andare e venire rapidamente in questi centri, piuttosto che essere conservati per lunghi periodi di tempo. Sono comunemente usati dai venditori di cibo e altri che hanno bisogno di spostare l’inventario rapidamente. Come i magazzini privati, anche i centri di distribuzione stanno crescendo, sia in numero che in superficie.

5. Magazzini intelligenti

I magazzini intelligenti portano l’efficienza di un centro di distribuzione a un altro livello. Usano l’intelligenza artificiale per snellire l’intero processo del magazzino eCommerce e automatizzarne il più possibile. Ciò può essere fatto utilizzando droni e software per l’imballaggio, la spedizione e lo stoccaggio di prodotti eCommerce. Un terzo dei magazzini sta già utilizzando la tecnologia intelligente o ha in programma di farlo nel prossimo futuro.

Icentri di adempimento di Amazon sono un primo esempio di magazzino intelligente:

Amazon magazzino eCommerce intelligente

6. Magazzini consolidati

I magazzini consolidati offrono alle piccole imprese un’opzione di adempimento del magazzino eCommerce più conveniente. Questi magazzini consolidano spedizioni multiple da diversi venditori in grandi spedizioni che vengono inviate allo stesso posto.

7. Magazzini cooperativi

I magazzini delle cooperative sono di proprietà dei loro membri, che possono immagazzinare i loro prodotti a prezzi ridotti. Anche i non soci possono conservare i prodotti nei magazzini della cooperativa, ma pagano la tariffa piena. In genere, questi sono gestiti da venditori che condividono una verticale e hanno esigenze di stoccaggio simili.

8. Magazzini vincolati

I magazzini doganali si rivolgono agli importatori che hanno bisogno di un posto per immagazzinare i loro prodotti importati senza dazio fino a quando non sono stati acquistati. Permettono agli importatori di conservare i prodotti per periodi più lunghi senza dover pagare dazi doganali.

I vantaggi dell’eCommerce warehousing

Ci sono molti vantaggi per l’eCommerce warehousing, non importa la dimensione del vostro negozio online. Ecco tre benefici chiave da considerare:

1. Offrire una spedizione più veloce e conquistare più clienti

Sapevi che per la maggior parte degli acquirenti online, la velocità di spedizione è importante quanto la spedizione gratuita? Quasi l’80% degli acquirenti ora considera la spedizione gratuita in due giorni come “la norma del commercio online“. Il67% degli acquirenti si aspetta di ricevere i propri ordini entro due giorni o meno. Solo un terzo è disposto ad aspettare più a lungo:

Quanto velocemente i clienti vogliono che gli articoli vengano spediti
[Fonte]

Esternalizzando l’adempimento a un magazzino eCommerce, è possibile soddisfare le aspettative dei clienti e consegnare la merce rapidamente. Questo può approfondire la fedeltà dei tuoi clienti e rendere il tuo negozio più attraente per gli aspiranti acquirenti.

Se sei un commerciante Prime soddisfatto dal venditore, la spedizione veloce non è facoltativa, è un requisito. Il 99% dei tuoi ordini deve rispettare la finestra di spedizione di due giorni.

2. Migliorare la gestione dell’inventario e rimanere organizzati

Il 62% degli e-retailer di piccole e medie dimensioni riferisce che “l’errore umano nella gestione manuale dei processi” è il loro più grande problema di inventario:

Con un magazzino eCommerce, questo problema sparisce. Da cima a fondo, i magazzini eCommerce sono costruiti per conservare i prodotti in modo sicuro, tenerli organizzati e spedirli e distribuirli il più rapidamente possibile.

Utilizzando un magazzino eCommerce, si può beneficiare di questa costruzione orientata allo scopo. Sai che i tuoi prodotti non saranno rubati e non saranno danneggiati dagli sbalzi di temperatura.

Si può anche beneficiare del loro uso del software di gestione del magazzino eCommerce. Questi sistemi tengono registrazioni dettagliate del vostro inventario attuale – per tutte le vostre varianti di prodotto – e analizzano i livelli di domanda durante tutto l’anno. Per voi, questo significa niente più scorte perse, niente più spedizioni di prodotti sbagliati per sbaglio, e niente più stock-out.

3. Dedicare più tempo al marketing e alla crescita del vostro negozio eCommerce

Il processo di adempimento del magazzino eCommerce è una bestia tutta sua. Rischiate di consumare un sacco di tempo, che può essere meglio speso nel marketing dell’eCommerce, nell’approvvigionamento di nuovi prodotti, nel servizio clienti e nell’aumento delle vostre entrate.

Molti venditori ritardano troppo a lungo l’uso di un magazzino, per paura di consumare un budget prezioso. Questa preoccupazione è valida, ma in realtà i benefici di un magazzino eCommerce superano il costo per i venditori in crescita.

La capacità di evadere gli ordini più velocemente, garantire la sicurezza dei vostri prodotti e gestire un inventario crescente vi aiuterà a scalare. C’è una chiara correlazione tra le dimensioni del negozio e l’uso del magazzino. Per crescere, avete bisogno di un magazzino.

Cosa considerare quando si usa un magazzino eCommerce

Quando si sceglie una soluzione di magazzino eCommerce, fatevi queste domande per trovare quella giusta per voi:

1. Che tipo di prodotti vendete?

Ivenditori internazionali possono beneficiare dello stoccaggio esente da dazi di un magazzino doganale. Tuttavia, coloro che vendono articoli deperibili spesso preferiscono i centri di distribuzione. Un grossista B2B potrebbe utilizzare un magazzino consolidato, mentre un negozio eCommerce di nicchia potrebbe godere di tariffe più convenienti con un magazzino pubblico o cooperativo.

2. Quanto può permettersi di spendere per la logistica?

Il venditore medio di eCommerce spende l ‘11% delle sue vendite per la logistica, con il trasporto e l’inventario che sono i maggiori contribuenti. Mentre valutate le soluzioni di stoccaggio per l’eCommerce, assicuratevi di considerare dove altro potete spostare il vostro budget per abbassare i vostri costi di logistica.

3. Il sistema di logistica di magazzino funziona con il vostro altro software di eCommerce?

Per prevenire i ritardi e l’eccesso o la mancanza di scorte, avete bisogno che tutti i vostri sistemi comunichino direttamente. Un helpdesk eCommerce come eDesk supporta una facile integrazione con il tuo sistema di gestione dell’inventario di magazzino, permettendoti di assistere meglio i clienti e rispondere alle domande sullo stato dei loro ordini.

Software di assistenza clienti eDesk

4. Il magazzino può garantire una spedizione veloce?

Sempre più spesso i clienti si aspettano tempi di consegna di 2 giorni o più brevi. Chiedete informazioni sulla tecnologia del magazzino. Il batch picking, il supporto di più ordini e i droni di imballaggio possono accelerare i tempi di spedizione. Hanno piani di emergenza per assumere lavoratori stagionali e temporanei per soddisfare la domanda durante i picchi degli ordini?

Sapevate che l’anno scorso oltre il 60% degli acquisti al dettaglio online negli Stati Uniti è stato effettuato tramite Amazon? Il dominio di Amazon sul commercio elettronico è ben consolidato, con 9,1 milioni di venditori Amazon attivi in tutto il mondo e una media di 66 mila ordini al giorno. I venditori più recenti potrebbero chiedersi come fare per ottenere più vendite su Amazon in un ambiente così competitivo.

La verità è che possono assolutamente farlo, perché la quota di mercato in crescita di Amazon offre molte opportunità. Abbiamo stilato questo elenco di 14 mosse rapide e strategiche per aiutarvi a migliorare il vostro gioco e a vendere di più su Amazon.

1. Ricerca di parole chiave

Avere le parole chiave giuste può essere una delle tattiche più importanti per raggiungere il vostro pubblico di riferimento. L’obiettivo è utilizzare le parole chiave più comuni nelle ricerche dei vostri prodotti, ma l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) è un gioco in continua evoluzione. Ciò significa che le parole chiave utilizzate con successo in passato potrebbero non essere altrettanto efficaci con gli algoritmi aggiornati dei motori di ricerca.

I termini utilizzati dai clienti per trovare i prodotti cambiano ogni giorno e sono influenzati da fattori stagionali, culturali ed economici. Per questo motivo, è importante rimanere al passo con le ultime tendenze SEO e assicurarsi di gettare un’ampia rete quando si implementano le parole chiave per ciascun annuncio di prodotto.

Ogni prodotto deve essere ottimizzato con il maggior numero possibile di parole chiave pertinenti, anche centinaia! In questo modo avrete le migliori possibilità di far trovare i vostri prodotti ai clienti, aiutandovi a vendere di più su Amazon.

Gli strumenti di ricerca delle parole chiave di Amazon, come Helium 10, SellerApp, Jungle Scout e AMZ One, possono aiutarvi a generare un elenco di parole chiave correlate con il volume di ricerca, il livello di concorrenza e altre metriche utili, rendendo più facile la scelta delle parole chiave migliori per l’inserimento dei vostri prodotti.

2. Utilizzare uno strumento di repricing per ottenere più vendite su Amazon

Quando si tratta di concludere l’affare e di concludere una vendita, il prezzo è un fattore decisivo per molti clienti. In qualità di venditore su Amazon, si vuole sempre essere sicuri di fissare un prezzo competitivo per i propri prodotti, ma allo stesso tempo non si vuole perdere il proprio margine!

L’ utilizzo di un software di repricing può essere d’aiuto in questo senso. Il software di repricing automatizza il processo di determinazione dei prezzi in tempo reale, assicurando che i vostri prezzi rimangano in linea con quelli della concorrenza e con le fluttuazioni del mercato, mentre voi ottenete più vendite su Amazon.

Il software di repricing ha anche molte funzioni personalizzabili che consentono di impostare i prezzi a livelli ottimali per favorire le vendite, senza compromettere i profitti. Vale la pena di fare una prova per vedere come può aiutare ad aumentare le vendite.

3. Ottenere più recensioni su Amazon

Le recensioni online sono importanti per diffondere la fiducia attraverso il passaparola e per costruire la credibilità del vostro marchio. È anche un dato di fatto che il 72% degli acquirenti non acquisterà prima di aver letto le recensioni di un prodotto da parte di persone simili a loro, persone di cui si fidano.

Anche un prodotto forte con un ottimo marketing alle spalle deve superare la paura dell’ignoto se non c’è una prova sociale. Inoltre, le recensioni positive sono un fattore importante per decidere quali prodotti si aggiudicano la Buy Box di Amazon.

Ottenete più recensioni su Amazon incoraggiando le risposte dei vostri clienti. Il modo migliore per farlo è utilizzare un software di risposta per automatizzare il processo.

4. Fornire un ottimo servizio clienti

Il servizio clienti è assolutamente essenziale nell’e-commerce. Offrire un servizio clienti di alta qualità non solo aggiunge valore, ma aiuta a fidelizzare i clienti. Una parte importante della vendita consiste nell’assicurare al cliente che può fidarsi di voi e che la fiducia è duramente guadagnata ma facilmente persa. Fornire un buon servizio clienti per l’e-commerce è fondamentale, e impegnarsi a fornire un ottimo servizio clienti lo è ancora di più!

In qualità di venditore Amazon, è necessario essere al top del servizio clienti. La reattività, la cordialità e i processi di risoluzione rapidi e semplici sono tutti ingredienti che rendono vincente l’approccio a un ottimo servizio clienti.

Ma può essere confuso cercare di razionalizzare il tutto. Per fortuna, sono disponibili strumenti di ogni tipo per facilitare questo lavoro, come il software di helpdesk per tenere tutte le interazioni con i clienti in un unico posto. Questo vi aiuta a rispondere in modo rapido e preciso alle richieste dei clienti, in modo che questi sappiano sempre che siete al loro fianco.

5. Sfruttare gli strumenti per i venditori Amazon

La parte migliore dell’essere un venditore Amazon è che non dovete fare tutto da soli. Sono disponibili numerosi strumenti per aiutarvi a massimizzare la vostra attività e a ottenere il massimo dalla vendita su Amazon, che sia di terzi o FBA.

Dagli strumenti di repricing, al software di help desk, al software per le recensioni e persino all’assistenza per le spedizioni, oggi esistono sul mercato molti strumenti che aiutano specificamente i venditori Amazon a ottimizzare le loro inserzioni, i prezzi, i feedback, le spedizioni, il servizio clienti e persino le tasse.

Esistono molti strumenti di vendita diversi, per cui vale la pena di informarsi sulle opzioni disponibili e decidere con cognizione di causa quali scegliere per la propria azienda. Con gli strumenti giusti, potete far crescere la vostra attività più di quanto abbiate mai pensato.

6. Ottenere più vendite su Amazon con gli annunci

L’esecuzione di annunci è quasi garantita per aiutarvi a ottenere più vendite su Amazon, ma è facile limitarsi a buttare soldi e sperare per il meglio. Si può fare di meglio! Prestate attenzione alla metrica del costo pubblicitario delle vendite (ACOS), ovvero alla quantità di spesa pubblicitaria necessaria per realizzare una vendita.

Facendo pubblicità in modo più efficiente, si riduce l’ACOS e si ottiene un maggiore guadagno. Con il tempo, imparerete cosa funziona e potrete adottare una strategia per la gestione degli annunci. L’adozione di un approccio alle inserzioni Amazon basato sull’intuizione si traduce in un’attività Amazon più redditizia!

7. Ottimizzare le pagine dei prodotti

Il vecchio detto dice che l’80% dei lettori non va oltre il titolo di un contenuto. Ciò significa che una volta scritto il titolo del prodotto, avete effettivamente speso 80 centesimi del vostro dollaro.

Quando si scrivono i titoli dei prodotti, attenersi alla formula:

  • Nome del marchio
  • Nome del prodotto
  • Caratteristiche (dimensioni, colore, sesso, ecc.).

In questo modo è possibile includere le parole chiave giuste nell’ordine giusto per dire immediatamente agli acquirenti che questo è il prodotto che fa per loro.

Inoltre, anche la progettazione visiva delle pagine dei prodotti, in modo che siano pulite, semplici e facili da leggere, contribuirà a conquistare gli acquirenti. Nessuno vuole leggere una pagina ingombra. Quanto più semplice (ma informativo) e pulito è il vostro design, tanto più avrete la possibilità di conquistare quegli sfuggenti bulbi oculari!

8. Vincere la Buy Box di Amazon

Il modo più rapido per aumentare le vendite su Amazon è assicurarsi che i vostri prodotti compaiano costantemente nel riquadro di acquisto di Amazon (l’area in alto a destra di una pagina di prodotto, dove gli acquirenti possono “Aggiungere al carrello” o “Comprare ora”). Questo perché oltre l’82% delle vendite avviene attraverso questo spazio molto ricercato.

Anche se la formula esatta per vincere la Buy Box non è nota, ci sono alcuni elementi che sappiamo essere essenziali. Si tratta principalmente di metriche che dimostrano che il venditore sta fornendo una buona esperienza al cliente. Le recensioni dei clienti giocano un ruolo importante. Più recensioni positive riesce ad accumulare un venditore, più aumenta la probabilità di aggiudicarsi la Buy Box.

Oltre alle recensioni, un altro aspetto molto importante per gli acquirenti di Amazon è il prezzo! Utilizzando un software di repricing, è possibile impostare automaticamente i prezzi al livello ottimale per vincere la Buy Box e massimizzare i profitti, anche se si dispone di un enorme inventario.

9. Valutazione della salute dell’account Amazon

La valutazione dello stato di salute dell’account Amazon (AHR) è una nuova funzione che aiuta a monitorare lo stato di salute dell’account in base alla sua aderenza alle politiche dei venditori Amazon.

Vengono presi in considerazione sia i fattori negativi (come il numero di violazioni di policy non risolte sul vostro conto) sia i fattori positivi (come il vostro conto influisce positivamente sull’esperienza del cliente attraverso le sue attività di vendita).

A ogni account viene assegnato un punteggio, che viene regolarmente rivisto in quanto Amazon monitora le prestazioni dei suoi venditori. Se il vostro account non è in linea con gli obiettivi, verrete avvisati in modo da poter migliorare le vostre prestazioni. Al contrario, un buon rating AHR giocherà a vostro favore, aiutandovi a garantire ai clienti che stanno facendo affari con un venditore conforme.

10. Mantenere lo SLA di Amazon

Una parte importante dell’attività di venditore consiste nel coltivare la fiducia dei clienti. Ciò significa dimostrare loro che operate in modo trasparente e che manterrete la vostra promessa di adempimento nei loro confronti. Un modo per farlo è assicurarsi che il vostro negozio Amazon abbia un Service Level Agreement (SLA). Si tratta di una promessa ai clienti che riceveranno i loro ordini in tempo. Per quanto riguarda l’evasione, lo SLA si basa sulla capacità di evadere gli ordini aperti e sulla puntualità di spedizione e consegna.

Gli SLA aiutano a gestire le aspettative dei clienti definendo gli standard e delineando le circostanze in cui il venditore non sarà responsabile per le promesse non mantenute (ad esempio, disastri naturali che impediscono la spedizione, ecc.)

La soluzione di assistenza clienti di eDesk è progettata per avvisarvi quando il vostro SLA sta per scadere, in modo che la vostra azienda non rimanga mai senza. Un SLA aggiornato vi aiuta a mantenere la trasparenza nei confronti dei clienti, creando così un clima di fiducia che contribuisce alla loro fidelizzazione.

11. Concentrarsi su prodotti già venduti

La maggior parte degli imprenditori ambiziosi vuole sperimentare nuovi flussi di entrate, ma è importante non perdere di vista le cose che vi fanno guadagnare ora.

Raddoppiando i prodotti che già forniscono al vostro negozio Amazon un flusso di entrate affidabile, non solo soddisfate la domanda del mercato, ma vi assicurate di avere la possibilità finanziaria necessaria per rischiare su nuovi prodotti innovativi, se necessario.

Esaminate i bilanci ogni trimestre e osservate gli articoli che hanno un rendimento migliore nel vostro negozio. Pensate a come continuare a commercializzarli con annunci, parole chiave SEO e immagini aggiornate per massimizzare il loro potenziale di vendita nel vostro negozio online.

12. Sincronizzare l’inventario

L’inventario può essere un delicato gioco di equilibri. Se tenete troppe scorte per troppo tempo, dovrete pagare più del dovuto per immagazzinarle. Ma se le scorte sono troppo scarse, si perdono vendite vitali o addirittura clienti a causa dell’incapacità di soddisfare le richieste. Amazon può anche penalizzarvi se le prestazioni del vostro inventario non sono all’altezza degli standard.

Il controllo delle scorte è un aspetto che ogni venditore deve comprendere e gestire per ottenere risultati ottimali. Una gestione intelligente dell’inventario è un modo poco apprezzato per aumentare le vendite e il margine di profitto su Amazon. Fortunatamente esistono strumenti che possono aiutare. Investire negli strumenti e nei software giusti può aiutare i venditori a eliminare lo stress di bilanciare domanda e offerta.

13. Espandersi in nuovi mercati Amazon

Amazon ha attualmente 20 marketplace in tutto il mondo, tra cui Stati Uniti, Canada, Messico, Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Spagna, Giappone, Singapore, Brasile, Australia e altri ancora.

È possibile scalare il proprio marchio entrando in alcuni di questi marketplace. Ciò può comportare l’esecuzione di ricerche di mercato per scoprire quali prodotti sono popolari in ciascun mercato e quindi il potenziamento delle operazioni di spedizione per essere in grado di spedire a livello globale.

Ma l’espansione in nuovi mercati significa anche che dovrete prendere in considerazione la lingua e localizzare le vostre inserzioni in modo che presentino la lingua locale di ciascun mercato e le parole chiave SEO nella lingua appropriata. È inoltre necessario un servizio clienti multilingue per poter assistere i clienti di vari mercati nella loro lingua locale.

Sembra complicato? La soluzione di help desk di eDesk è progettata per supportare il servizio clienti e il flusso di lavoro in più lingue, in modo che possiate espandere la vostra attività senza dover investire in spese generali per l’assunzione di un team globale.

14. Spiare i concorrenti

Ok, forse “spiare” è un po’ esagerato, ma i venditori redditizi sono sempre alla ricerca di ciò che fanno i loro concorrenti. Dovete assicurarvi di offrire l’inventario giusto per il vostro mercato ai prezzi giusti. Il software di repricing controlla questo aspetto per voi, eliminando le congetture sul prezzo corretto.

L’utilizzo dei dati ricavati dalla reportistica dell’helpdesk può anche aiutarvi a raccogliere preziose intuizioni e feedback dai vostri clienti, che vi aiuteranno a capire meglio ciò che i clienti desiderano e di cui hanno bisogno. Agire sulla base di intuizioni analitiche provenienti da report di facile lettura significa essere sempre un passo avanti rispetto alla concorrenza.

Pensieri finali

La ricerca di un aumento delle vendite del vostro negozio su Amazon non deve essere una lotta in salita. Oggi i venditori Amazon hanno a disposizione molte risorse che li aiutano a ottimizzare il loro negozio e a sviluppare una sana pipeline di vendita.

Rimanendo in contatto con la crescita della piattaforma Amazon e utilizzando gli strumenti tecnologici giusti per guidare la vostra attività, potete continuare a fare ciò che sapete fare meglio: costruire un grande marchio, conquistare clienti, fidelizzare i clienti esistenti e migliorare i vostri profitti.

Cercate altri grandi contenuti come questo? Di seguito abbiamo raccolto un elenco di risorse correlate.

Vedi la nostra Informativa sulla privacy per i dettagli su come utilizziamo i tuoi dati personali e i tuoi diritti.