eDesk logo

Quello che i venditori di eCommerce devono sapere sulla crisi della catena di approvvigionamento europea

Dicembre 2, 2021 10 min read
supply-chain
Contents

Share this article

La crisi della catena di approvvigionamento è un argomento che è stato impossibile da evitare per i venditori di eCommerce. È stato al centro dell’attenzione dei media, sia nel Regno Unito che in tutta Europa, perché le strozzature nell’approvvigionamento influiscono sull’accesso dei consumatori ai beni che vogliono, quando li vogliono. Conosciuta come la catena di approvvigionamento “just in time”, i vari fattori che la ostacolano sono stati dichiarati dal presidente americano Joe Biden come un problema globale.

In effetti, le imprese di eCommerce in tutta Europa stanno sentendo il pizzico in molti modi. Nell’ultimo anno, abbiamo visto il dispiegarsi di molti problemi della catena di approvvigionamento, dall’indisponibilità di certi articoli all’aumento dei costi di spedizione e ai tempi di spedizione ritardati. Spronati dalle sfide portate dalla pandemia COVID-19, i rivenditori di tutto il mondo hanno dovuto affrontare più intoppi, ritardi e problemi di magazzino che mai. Dietro questi problemi ci sono molteplici fattori globali ed economici che guidano l’attuale collo di bottiglia nella catena di approvvigionamento.

I modi in cui i venditori di eCommerce – molti dei quali si affidano al dropshipping come componente critica delle loro operazioni – navigano questi problemi e gestiscono le aspettative dei clienti influenzeranno il successo del loro marchio. Questi sono tempi difficili per l’eCommerce, ma le decisioni di business che i marchi dell’eCommerce intraprendono per alleviare gli effetti dannosi di questi problemi determineranno quali marchi usciranno relativamente indenni dalla crisi della supply chain e quali non avranno lo stesso successo nel superare la tempesta.

Secondo il gruppo di consulenza globale McKinsey, le aziende che fanno perno rapidamente in risposta a eventi incerti e adattano i loro modelli operativi per lavorare all’interno dei vincoli di questi eventi hanno maggiori probabilità di vedere il successo con i consumatori durante la crisi.

Guardiamo le sfide in gioco, l’impatto sui marchi di eCommerce in generale, e le lezioni che possono essere applicate per sostenere il successo in tempi incerti.

Capire la catena di fornitura Just-In-Time

Gran parte dell’Europa si basa sulla cosiddetta catena di approvvigionamento “just in time” (JIT). Si tratta di una strategia di gestione della catena di approvvigionamento basata sulla domanda, che sincronizza la domanda dei consumatori con il bisogno di materiali per produrre articoli come sono richiesti nel processo di produzione. JIT è progettato per ridurre la necessità di stoccare materiali in eccesso in un magazzino e si basa su un’intricata sincronizzazione tra le operazioni per funzionare correttamente.

La catena di approvvigionamento JIT mira a ridurre i ritardi e i costi perfezionando i tempi di ordinazione dei materiali. L’obiettivo è che le aziende abbiano esattamente la giusta quantità di materiali necessari in quel momento per soddisfare la domanda dei clienti. JIT mira ad essere un’operazione snella ed efficiente che ottimizza i materiali mentre consegna ciò che i clienti vogliono in un determinato lasso di tempo.

Affinché il JIT funzioni, le imprese che producono articoli non solo devono avere una conoscenza approfondita della domanda dei consumatori, ma devono anche avere relazioni forti e affidabili con i loro fornitori per essere in grado di procurarsi i materiali per la produzione senza lunghi tempi di consegna.

Introdotto negli anni 80, il modello JIT è stato la spina dorsale del commercio europeo e ha funzionato con successo fino ad oggi. Tuttavia, questo modello non è impermeabile alla crisi, come evidenziato da ciò che l’Europa e il Regno Unito stanno vivendo oggi.

Definire il problema: uno sguardo multiplo ai problemi della catena di approvvigionamento

Il JIT ha funzionato molto bene per fornire ai consumatori in Europa e nel mondo ciò che vogliono quando lo vogliono. Ma poiché si basa su una rete intricata di materie prime, fabbriche, ferrovie, strade, reti, spedizioni, consegne (e altro) per funzionare, può essere sballottata quando sorgono problemi. I risultati di un’operazione di questo tipo sono quelli che stiamo vivendo attualmente non solo in Europa, ma in tutto il mondo.

Nell’ultimo anno, abbiamo visto l’interruzione delle catene di approvvigionamento nella produzione e nei canali di vendita al dettaglio, che ha portato a un aumento dei prezzi e a una diminuzione del numero di prodotti disponibili. Le ragioni di questo problema della catena di approvvigionamento sono state molteplici. Innegabilmente, la pandemia di COVID-19 è stata l’impulso per molti dei problemi. Per esempio, quando le fabbriche che producono beni in Asia hanno dovuto chiudere a causa dei blocchi COVID, questo ha rappresentato una sfida enorme per la catena di approvvigionamento globale.

Eppure, non sono solo i problemi di fabbrica ad essere il problema. Le questioni economiche, comprese le carenze di energia nei paesi con economie manifatturiere, le carenze di produzione, gli scarsi risultati dei raccolti nelle regioni che producono materie prime, combinati con le carenze di manodopera e gli strangolamenti nei principali porti di spedizione, hanno tutti contribuito ai problemi che i venditori di eCommerce devono affrontare oggi.

La catena di approvvigionamento è come una sinfonia, con ogni parte di essa che gioca un ruolo essenziale in un complesso ecosistema commerciale globale. Un solo evento sfortunato che ha luogo in tutto il mondo può avere immense ripercussioni a valle, e questo è ciò che stiamo vedendo giocare attraverso la catena di approvvigionamento dell’e-commerce in questo momento.

Crisi energetiche nel mondo

Le crisi energetiche si sono verificate in varie parti del mondo, con un impatto significativo sulla catena di approvvigionamento. Per esempio, quest’anno, la Cina ha affrontato una crisi energetica. Più di 20 delle sue province hanno subito interruzioni di corrente a causa della riduzione della produzione di energia colpita dall’aumento del prezzo del carbone in tutto il mondo. Come risultato delle interruzioni di corrente, la produttività è rallentata nelle fabbriche delle province che sperimentano queste difficoltà energetiche. La conseguenza è che anche se la domanda di beni prodotti in Cina rimane costante, l’offerta è messa in pericolo dalla mancanza di energia disponibile per alimentare le fabbriche di produzione.

In Germania, queste carenze energetiche hanno avuto un impatto diretto sulla produzione di automobili, il suo settore più grande. L’industria automobilistica tedesca ha sentito direttamente l’effetto della crisi della catena di approvvigionamento a causa di una carenza di magnesio cinese, che è usato nella produzione di leghe di alluminio per le parti di automobili. Questa carenza è stata determinata dalle chiusure di fabbriche dovute alle carenze energetiche di cui sopra. Con l’avanzare dell’inverno, questo problema è destinato a peggiorare a causa delle temperature gelide e dell’insufficiente fornitura di energia per soddisfare il funzionamento delle aziende che producono fino al 95% del magnesio europeo.

L’impatto del blocco sulla produttività del lavoro

Allo stesso modo, le interruzioni derivanti dalla pandemia COVID-19, che ha portato alla chiusura dei posti di lavoro in Giappone e Corea, hanno colpito la fornitura di componenti chiave che si trovano nella maggior parte dell’elettronica. I blocchi hanno chiuso le porte delle fabbriche, creando una perdita di produttività che non può essere realizzata in modi alternativi.

In poche parole, quando le aziende di produzione di chip sono state chiuse a causa della pandemia, questo ha portato a una carenza globale di chip per computer, i componenti necessari nei computer portatili, webcam e altri dispositivi elettronici che lavorano a distanza e che si basano sulla tecnologia 5G per funzionare.

Disastri naturali: Impattare la catena di approvvigionamento fino alla tua tazza di caffè del mattino

Oltre a questo, altri eventi inaspettati nel mondo naturale, come la siccità in Brasile, hanno portato a un cattivo raccolto di chicchi di caffè. Come uno dei più grandi produttori di chicchi di caffè al mondo, il raccolto deludente in Brasile quest’anno ha avuto un impatto sulla fornitura di caffè in tutto il mondo.

Questo è ulteriormente aggravato dal fatto che la maggior parte dell’elettricità del Brasile proviene da bacini idroelettrici, il che significa che la produzione elettrica è anche colpita in tempi di siccità. Il risultato di queste condizioni, a sua volta, ha un impatto sui prezzi al consumo in tutti i caffè e ristoranti che vendono caffè nel mondo. La scarsità di chicchi di caffè significa prezzi più alti, il che ha un impatto sui margini dei venditori al dettaglio e colpisce i portafogli dei consumatori che cercano di acquistare la loro tazza di caffè mattutina.

Cercasi autisti di camion

Oltre ai problemi di approvvigionamento dei materiali, uno dei fattori più importanti che alimentano la catena di approvvigionamento è il lavoro umano che sposta i suoi intricati pezzi da un posto all’altro: l’industria dei trasporti. Purtroppo, prima il Regno Unito e ora l’Europa continentale stanno entrambi affrontando una carenza di autisti di camion.

Nel Regno Unito, le ragioni di questa carenza sono dovute in parte alla Brexit, che ha fatto sì che molti autisti lasciassero il paese, tornando in patria. Il governo britannico ha risposto offrendo più di 5.000 visti di lavoro temporanei a piloti provenienti dall’estero. L’Europa sta ora sperimentando carenze simili, guidate dai blocchi di COVID. Quando le aziende hanno chiuso, gli autisti sono rimasti senza lavoro, e le aziende hanno cercato di riempire i posti di lavoro quando l’economia ha riaperto dopo gli effetti peggiori della pandemia.

I rapporti mostrano che il problema della manodopera nel settore dell’autotrasporto esisteva sia nel Regno Unito che nell’UE anche prima della pandemia, con circa il 24% delle posizioni di lavoro non occupate nel Regno Unito già nel 2019, con il 22% non occupato in Polonia e il 20% in Spagna.

È evidente che la catena di approvvigionamento è fragile e altamente interconnessa; un impatto in un angolo del mondo si sposta a valle verso i consumatori nei paesi di mezzo mondo. Il commercio moderno oggi dipende da articoli provenienti da tutto il mondo, quindi una catena di approvvigionamento robusta e che si muove rapidamente è essenziale. Come vediamo, quando si verificano problemi senza precedenti, può avere effetti molto tangibili sui rivenditori di tutto il mondo.

La crisi delle spedizioni come fattore aggravante

A peggiorare i fattori menzionati sopra c’è una crisi globale delle spedizioni che sta stressando ulteriormente la catena di approvvigionamento, rendendo difficile per i venditori ottenere fisicamente le merci di cui hanno bisogno – anche se sono prodotte e disponibili.

A causa della pandemia, c’è stata una carenza di container in tutto il mondo, insieme alle chiusure legate alla COVID-19 nelle principali città portuali europee come Amburgo, che hanno interrotto le catene di approvvigionamento in tutto il settore della vendita al dettaglio dell’UE. COVID-19 Le restrizioni alle frontiere e i requisiti di distanza sociale nei grandi porti come Felixstowe hanno portato a un aumento delle tariffe di trasporto sulle principali rotte di navigazione in tutta Europa. Incidenti del tutto inaspettati, come il blocco del canale di Suez, hanno anche avuto un impatto significativo sulla capacità di ottenere merci in modo tempestivo.

Come conseguenza di questi problemi, il costo di spedizione è aumentato drammaticamente nell’ultimo anno, con il Regno Unito in cima all’Europa come destinazione di spedizione più costosa. Gli analisti della Deutsche Bank hanno anche previsto che i prezzi medi dei container potrebbero aumentare del 30% entro il 2022. Indubbiamente, questo ha un impatto sui margini di profitto dei rivenditori e induce i rivenditori a trasferire gli aumenti dei costi ai loro clienti. Questo è uno scenario difficile, dato che molti consumatori sono frustrati dai tempi di spedizione più lunghi e dai ritardi di consegna.

Una tempesta perfetta: L’impatto sui venditori europei di eCommerce

Ogni marchio di eCommerce capisce che la reputazione è tutto. I colossi dell’industria come Amazon lo riconoscono e hanno fatto della consegna di prodotti con velocità, servizio clienti e promesse senza compromessi il loro pane quotidiano. Mentre i giganti dell’industria come Amazon possono superare l’attuale crisi della catena di approvvigionamento, i marchi online più piccoli devono essere più cauti su come rispondere alle sfide future.

Dal punto di vista logistico, il risultato dei problemi della catena di approvvigionamento globale è che i venditori europei di eCommerce devono ora fare i conti con una mancanza di articoli disponibili, un’incapacità di reperire materiali specifici o articoli desiderati, spedizioni in ritardo e costi di spedizione atmosferici trasferiti al consumatore.

Dal punto di vista del cliente, i venditori di eCommerce che in precedenza soddisfacevano il bisogno dei consumatori di una gratificazione istantanea sotto forma di una vasta gamma di scelte di prodotti, consegnati alla velocità della luce, ora devono fare i conti con la gestione delle aspettative dei clienti, dati questi fattori esacerbanti.

Come consiglia McKinsey, per i marchi dell’eCommerce (e tutte le imprese, più in generale) per avere successo nonostante le condizioni globali incerte e in rapido cambiamento, devono essere pronti e capaci di fare perno. La capacità di pensare un passo avanti e di prepararsi a possibili scenari sono i modi migliori per mitigare il rischio potenziale e sostenere il successo.

Come le imprese europee di eCommerce possono mitigare l’impatto della crisi globale della catena di approvvigionamento

Navigare nell’attuale crisi della catena di approvvigionamento richiede lungimiranza, senso degli affari e un’acuta capacità di gestire le aspettative dei clienti, mantenendo i clienti soddisfatti per mantenere la fedeltà in tempi difficili.

Stare davanti alle curve stagionali

La pianificazione è tutto. In vista di stagioni chiave per lo shopping, come le vacanze di Natale, San Valentino e la festa della mamma (per citarne solo alcune), i venditori eCommerce dovrebbero prendere tempi più lunghi per ordinare le scorte, con la consapevolezza che i ritardi di spedizione potrebbero essere imminenti. Aggiungere il doppio (o anche il triplo) del lead time al tuo tipico ciclo d’ordine può essere utile in tempi in cui la spedizione è rallentata.

Identificare nuovi fornitori

Con gli eventi in tutto il mondo che influenzano i tipici mercati di produzione e fabbricazione, questo può essere un momento eccellente per provare nuove forniture da diverse regioni geografiche. Prestare molta attenzione ai costi e ai margini all’ingrosso è imperativo; tuttavia, sapere che la tua azienda può accedere ai prodotti che i tuoi clienti richiedono è una strategia vincente.

Proteggere i margini di profitto

Senza dubbio, in tempi di volatilità, i prezzi sono destinati a fluttuare. Come marchio di eCommerce, è essenziale cercare di rendere il prezzo ai consumatori il più stabile possibile senza mettere in pericolo i tuoi margini di profitto. Puoi proteggere i tuoi margini di profitto impiegando una strategia di prezzi basata sul costo in modo da non andare in rosso sulle vendite – particolarmente importante se il tuo marchio è un venditore sul mercato.

Gestire le aspettative dei clienti

Come menzionato in questo post, la gestione delle aspettative è tutto quando si tratta della soddisfazione del cliente e della protezione della reputazione del tuo marchio. Quando ci sono ritardi nella spedizione, è meglio essere onesti con i vostri clienti sui tempi di consegna e mantenere aperte le linee di comunicazione. Dopo tutto, il servizio clienti riguarda la costruzione di relazioni e rimanere trasparenti gioca un ruolo chiave nella costruzione delle relazioni.

Mantenere gli standard del servizio clienti

I clienti soddisfatti sono più propensi a ripetere gli acquisti e a raccontare ad altri le loro esperienze positive con la vostra azienda. Pertanto, è importante continuare a lavorare per un alto standard di soddisfazione del cliente, anche quando, dietro le quinte, le condizioni non sono ideali. Oltre ad essere trasparente e a gestire le aspettative, offrire dei buoni su acquisti futuri a causa dell’inconveniente dei tempi di spedizione ritardati, per esempio, può aiutare i clienti a rimanere soddisfatti e assicurarsi che continuino ad acquistare con il tuo marchio in futuro.

Implementare i giusti strumenti di eCommerce

Strumenti costruiti appositamente che possono lavorare con dati in tempo reale, come eDesk, possono aiutare i marchi di eCommerce a rimanere in cima a tutti gli ordini dei clienti, assicurando che nulla sfugga e che l’adempimento rimanga al top del suo gioco.

Resistere alla tempesta: Il gioco lungo

Gli esperti prevedono che l’arretrato della catena di approvvigionamento richiederà più di un anno per essere smaltito. Ci sono molti fattori in gioco, compresa la lotta contro la pandemia assicurando che i dipendenti della produzione abbiano accesso ai vaccini per mantenersi sicuri e rimanere produttivi sul posto di lavoro. Risolvere questi problemi di lavoro, accogliere nuovi produttori e aumentare la capacità di spedizione aprendo i porti 24 ore su 24 sono anche iniziative chiave per aiutare a smaltire l’arretrato. C’è la necessità di riportare la catena di approvvigionamento ai normali tempi di consegna a cui i consumatori europei sono abituati.

Pensieri finali

Mentre questo delicato atto di bilanciamento richiederà un po’ di tempo, significa che i marchi di eCommerce devono essere pazienti e flessibili nel loro approccio. Seguendo le migliori pratiche di cui sopra, saranno in grado di navigare in una situazione difficile a breve termine, rafforzando la buona volontà dei clienti a lungo termine. Ricordate, è una maratona, non uno sprint, e con un po’ d’ingegno, i marchi dell’eCommerce possono resistere a questa tempesta per giorni più soleggiati a venire.

Per aiutare il vostro marchio a superare questa tempesta della catena di approvvigionamento, i nostri esperti sono qui per consigliarvi. Assuma un approccio proattivo e si metta in contatto con il nostro team oggi stesso.

See our Privacy Notice for details as to how we use your personal data and your rights.

Vedi la nostra Informativa sulla privacy per i dettagli su come utilizziamo i tuoi dati personali e i tuoi diritti.