eDesk logo

Come sfruttare il potere e l’influenza della generazione Z a vantaggio della vostra attività commerciale

Ultimo aggiornamento Marzo 21, 2023 9 min da leggere
Contenuti

Condividi questo articolo

Man mano che le nuove generazioni invecchiano, il mondo del lavoro deve adeguarsi alle nuove tendenze o rimanere nel dimenticatoio. Il mondo dell’eCommerce, in particolare, continua a crescere e a trasformarsi ogni anno che passa, mentre il pubblico principale diventa sempre più esperto di tecnologia.

È iniziato con la generazione dei millennial e sta continuando con l’ingresso della generazione Z nell’età adulta. I Millennials hanno vissuto il boom tecnologico durante la loro vita, ma la Gen-Z vi è nata. Non hanno mai conosciuto un mondo senza internet, cellulari e acquisti online.

Ciò significa che i negozi di e-commerce dovranno cambiare il loro modo di pensare per cercare di attrarre questa nuova generazione. La Gen Z porta con sé molto potere e influenza. Il vostro compito di professionisti dell’e-commerce è capire cosa vogliono e sfruttare il potere della loro influenza per creare un futuro solido per il vostro negozio online.

Ma quali cambiamenti porterà la Gen Z nel mondo dell’e-commerce? E come si può commercializzare il proprio negozio in modo che si rivolga direttamente a loro?

Continuate a leggere per scoprirlo.

In che modo la Gen Z sta cambiando il gioco dell’e-commerce?

Come abbiamo brevemente accennato, la generazione Z è la più tecnologica di tutti i tempi. Sono nati tra il 1997 e il 2010, il che significa che anche i più anziani della Gen Z non hanno mai conosciuto un mondo senza Internet. Ciò significa che se la vostra piattaforma manca di caratteristiche o funzionalità, lo sapranno e porteranno la loro attività altrove.

(
Fonte immagine
)

Si tratta di una generazione attenta all’ambiente e alla società, che rispetta la trasparenza dei marchi con cui ha a che fare. La generazione Z è fortemente coinvolta nei social media e ripone molta fiducia nelle opinioni degli influencer.

Apprezzano i prodotti sostenibili e sono noti per la loro devozione verso gli animali domestici. Le abitudini di acquisto della Gen Z sono guidate dalle convinzioni. Servizi come
assicurazione per gatti
sono in piena espansione grazie al desiderio dei Gen Zers di proteggere i loro familiari pelosi. Questi giovani acquirenti apprezzano un’esperienza di acquisto omnichannel e sono noti come la prima generazione di veri consumatori omnichannel.

La generazione Z è anche molto meno fiduciosa dei millennial. Mentre
50%
degli acquirenti millenari dichiara di fidarsi delle aziende che frequenta, solo il 42% della generazione Z si fida dei marchi scelti.

Ora che abbiamo una buona idea di ciò che rende la Gen Z diversa dalle loro controparti millenarie, vediamo cosa potete fare per rendere il vostro marchio di e-commerce più attraente per loro.

Come si può commercializzare con successo il proprio negozio di e-commerce alla generazione Z?

Creare un’esperienza omnichannel

Gli acquirenti della Gen Z amano un’esperienza
esperienza di acquisto omnichannel
. Ciò significa che vogliono interagire con i marchi attraverso più punti di contatto. Questo include piattaforme nel mondo digitale e luoghi fisici.

(
Fonte immagine
)

Se siete un marchio di vendita al dettaglio con un negozio fisico, un sito web di e-commerce e un’applicazione mobile, dovrete creare un’esperienza senza soluzione di continuità tra di essi. Ciò che accade sulla piattaforma digitale ha un impatto sugli acquisti nel negozio fisico e viceversa. L’eCommerce omnichannel mira a creare un’esperienza coerente e sempre in linea con il marchio.

Quando si crea un marchio di eCommerce omnichannel per attirare l’attenzione della generazione Z, è importante:

  • Comprendere il percorso del cliente nella sua interezza
  • Personalizzare il più possibile l’esperienza
  • Trasmettere un messaggio coeso e coerente in tutti i punti di contatto.

Impegnatevi nella vostra UX

Dovrete prestare molta attenzione all’esperienza dell’utente sul vostro sito web e sull’app di e-commerce. Sebbene i consumatori della Gen Z acquistino spesso attraverso le piattaforme dei social media, spesso acquistano anche direttamente dai negozi di e-commerce.

Ma ricordate che queste persone sono cresciute con Internet e sono state presenti ad ogni cambiamento di tendenza. Ciò significa che dovete mantenere le funzionalità del vostro sito web all’avanguardia e garantire che nessun problema di prestazioni ostacoli l’esperienza di acquisto.

Per creare un’esperienza di acquisto senza interruzioni, aggiornate continuamente la vostra UX con le ultime tendenze tecnologiche. Al momento, questo include l’aggiunta di funzioni di realtà aumentata (AR), ma tra sei mesi sarà qualcosa di completamente diverso.

Si tratta di un pezzo fondamentale del puzzle del marketing della Gen Z, poiché
30%
degli acquirenti della Gen Z ha dichiarato di volere esperienze senza soluzione di continuità.

Se volete creare fiducia con la generazione Z, la qualità 15/10 e i vantaggi offerti saranno sempre l’approccio migliore. L’alleanza con un servizio di corriere all’inizio vi aiuterà ad offrire
consegna in giornata
sui prodotti, il che può essere ottimo per l’esperienza complessiva dell’utente, facendo sì che questo pubblico in crescita torni a chiedere di più.

Rendere i contenuti interattivi

Uno dei modi migliori per raggiungere gli acquirenti della Gen Z è il contenuto interattivo. Questi consumatori vogliono poter cliccare, scorrere e toccare i post, interagendo con essi come se fossero oggetti reali e tangibili da toccare.

Questo include qualcosa come una
Storia di Instagram
che mostra il vostro prodotto. È possibile creare immagini straordinarie e consentire all’acquirente di scorrere il video verso l’alto per essere portato direttamente al vostro negozio.

(
Fonte immagine
)

Un altro ottimo modo per introdurre elementi interattivi agli acquirenti della Gen Z è incoraggiare la conversazione. Questo potrebbe includere qualcosa di semplice come porre una domanda sui post dei social media o fornire un sondaggio su cui gli utenti possono cliccare. Spesso sentiranno il bisogno di spiegare il loro voto sotto forma di commento. Il vostro marchio può quindi commentare e commentare fino ad arrivare a una vera e propria conversazione.

Potete anche aggiungere opzioni di sondaggio cliccabili alle vostre storie di Instagram, rendendole più divertenti e interattive per un pubblico moderno che desidera questi contenuti. Considerate la possibilità di aggiungere al vostro sito di e-commerce dei quiz che abbinino i vostri clienti a prodotti specifici. Quando si fa così, si colpiscono alcune note positive. Fornite elementi interattivi e personalizzate l’esperienza dell’eCommerce.

È un fuoricampo della Gen Z.

Collaborare con gli influencer

Ricordate che prima abbiamo detto che gli acquirenti della Gen Z non si fidano delle aziende che frequentano? Beh, sapete di chi si fidano? I loro coetanei.

Ecco perché l’influencer marketing ha avuto un tale successo con il pubblico della Gen Z. Collaborando con personaggi popolari dei social media e convincendoli a recensire e discutere i vostri prodotti sulle loro piattaforme, potete rivolgervi direttamente agli acquirenti della Gen Z attraverso un intermediario.

Un impressionante
44%
degli acquirenti della Gen Z ha effettuato un acquisto sulla base del consiglio di un influencer dei social media. Ecco perché molti marchi si affollano sulle piattaforme sociali per collaborare con queste persone popolari.

Considerando che la Gen Z è molto attiva su TikTok e che TikTok funziona perfettamente per l’influencer marketing, la collaborazione con gli influencer di TikTok può essere vantaggiosa per qualsiasi azienda. Dato
quanto paga TikTok
gli influencer sono sempre desiderosi di creare contenuti. Anche la collaborazione con aziende e marchi è un’impresa entusiasmante. La popolarità dei loro contenuti e gli alti tassi di visualizzazione sono ugualmente vantaggiosi per l’azienda e per l’influencer, quindi si tratta di una situazione vantaggiosa per tutti.

Naturalmente, non si può pretendere che un influencer ripeta il messaggio aziendale al suo pubblico. Devono parlare del vostro marchio in modo naturale e autentico. Gli acquirenti della Gen Z apprezzano la trasparenza e l’autenticità, il che significa che questi dovrebbero essere i punti cardine dei vostri sforzi di influencer marketing.

Spostarsi sui social media

Ovviamente, i social media saranno estremamente efficaci per il marketing della generazione Z. Sono la generazione dei social media. I Gen Z vivono praticamente su queste piattaforme, utilizzandole per l’intrattenimento e la socializzazione,
reddito discrezionale
e per lo shopping.

Quando si parla di social media,
81%
della Gen Z afferma che Instagram e YouTube sono i social network preferiti. Alla domanda su quali reti la Gen Z vuole che i brand utilizzino di più, il 56% ha risposto Instagram, mentre il 38% ha indicato YouTube.

Data la preferenza della Generazione Z per i contenuti video di breve durata, i marketer dovrebbero considerare di incorporare le piattaforme visive nelle loro strategie e creare contenuti di dimensioni ridotte come le Instagram Stories. A
strumento di gestione dei social media
vi faciliterà il lavoro, in quanto potrete integrare le vostre piattaforme di social media per una migliore organizzazione, pianificazione e programmazione delle pubblicazioni. In questo modo sarà più facile ottenere nuovi clienti.

Dovreste sfruttare l’influenza dei social media sulla generazione Z creando contenuti interattivi e campagne di influencer sulle loro piattaforme preferite. I vostri post devono essere strategici e rivolgersi direttamente alla loro sensibilità.

Ad esempio, le Storie di Instagram scompaiono dopo un determinato periodo di tempo. Questi contenuti interattivi, sensibili al tempo, possono far leva sulla FOMO (Fear of Missing Out) della generazione Z e farli ritornare per averne ancora.

(
Fonte immagine
)

Anche la funzione Instagram Drops, illustrata sopra, può essere utile per il marketing FOMO.

Mantenere la messaggistica più breve e di maggiore impatto

La generazione Z non è alla ricerca di contenuti lunghi. Vogliono messaggi brevi e incisivi, che vadano dritti al punto e siano d’impatto.

Questa generazione vive di video TikTok, tweet e Instagram Stories. L’unica cosa che hanno in comune è la brevità. Lavorate per creare post incisivi sui social media che facciano apparire il vostro prodotto interessante. Includete immagini come foto e video per catturare davvero la loro attenzione.

Essere socialmente responsabili

La generazione Z è una delle generazioni socialmente più responsabili di tutti i tempi. Si preoccupano del mondo che li circonda e vogliono assicurarsi che i marchi da cui acquistano condividano la loro sensibilità. La generazione Gen Z è disposta ad abbandonare un marchio all’istante se percepisce un odore socialmente sospetto.

Ecco perché
51%
dei consumatori della Gen Z fa ricerche approfondite sulle aziende da cui acquista. Non comprano solo per il marchio. Vogliono assicurarsi che condividiate i loro valori di responsabilità sociale d’impresa prima di darvi un centesimo. Se non lo fate, cercheranno altrove.

Ciò significa che, se volete attirare l’attenzione di questi acquirenti, dovreste fare del bene alla comunità e lavorare per sensibilizzare l’ambiente. La lotta per le cause di giustizia sociale e il riconoscimento di eventi come il Pride Month e il Black History Month saranno molto importanti per gli acquirenti della Gen Z.

(
Fonte immagine
)

Per far sì che la Gen Z si interessi ai marchi di moda, è fondamentale capire cosa guida le loro scelte di moda. Apprezzano l’autenticità, l’inclusività e la sostenibilità. Inoltre, tendono a cercare pezzi versatili e durevoli che possono essere mescolati e abbinati a diversi outfit.

Per esempio, quando si tratta di
giacche di pelle
l’amore della Gen Z per questo capo di abbigliamento classico è innegabile. Per catturare la loro attenzione, i marchi di moda dovrebbero dare priorità all’approvvigionamento sostenibile ed etico della pelle, offrire design unici e versatili, e commercializzare un pezzo forte che possa durare per anni.

I marchi possono anche sfruttare l’interesse della Gen Z per la personalizzazione offrendo opzioni per la personalizzazione delle giacche. Leather Cult sa che il suo pubblico ama Hollywood e confeziona giacche di pelle personalizzate in vari stili di
stili di celebrità
su ordinazione.

(
Fonte immagine
)


Le gomme Delta 8
hanno guadagnato popolarità anche tra la generazione Z, grazie alle loro proprietà uniche che forniscono un’esperienza rilassante ed edificante. A differenza della Delta 9 THC, la Delta 8 è legale in molti stati, il che la rende più accessibile ai consumatori. Inoltre, le gomme Delta 8 sono disponibili in vari gusti, dosaggi e forme, il che le rende un’opzione interessante per chi preferisce un modo discreto e gustoso di consumare cannabis.

I marchi che cercano di sfruttare l’interesse della generazione Z per le gomme Delta 8 possono sottolineare gli ingredienti naturali e biologici del prodotto, le pratiche di sostenibilità e l’impegno per la responsabilità sociale. Possono anche creare campagne sui social media in linea con i valori della Gen Z, come la promozione dell’inclusività, della diversità e dell’ecocompatibilità.

(
Fonte immagine
)

Monitorare il successo e adattarsi

Quando si fa marketing a qualsiasi pubblico, è importante ricordare che le tendenze cambiano, spesso rapidamente. A tal fine, è necessario monitorare costantemente il successo o l’insuccesso delle campagne di marketing della Gen Z per determinare dove si è andati bene o male.

Solo perché qualcosa ha funzionato a meraviglia nel 1° trimestre, non vuol dire che si riprenderà allo stesso modo per il resto dell’anno. Quando si nota un calo, è importante esaminare cosa è andato storto e stabilire come correggerlo. Non si può essere rigidi nei propri piani. Dovete essere abbastanza flessibili da cambiare corso in un momento e adattarvi alle mutevoli esigenze del vostro pubblico.

Conclusione

Gli acquirenti della Gen Z supereranno rapidamente il mercato, diventando la fascia demografica dominante. Per questo motivo, è necessario capire come pensano i consumatori della Gen Z e cosa vogliono vedere dai marchi che frequentano. Quindi modificate i vostri piani di marketing per rivolgersi direttamente a loro.

Per riassumere, quando si cerca di fare marketing per la Gen Z, assicurarsi di:

  • Creare un’esperienza omnichannel
  • Impegnatevi davvero nella vostra UX
  • Creare contenuti interattivi
  • Collaborare con gli influencer dei social media
  • Spostarsi sul social media marketing
  • Mantenere un messaggio breve e d’impatto
  • Dimostrare responsabilità sociale
  • Monitorare il successo e adattarsi di conseguenza

Se vi attenete a questi suggerimenti e trucchi, dovreste essere in grado di preparare la vostra attività di e-commerce per un pubblico Gen Z in continua crescita.

L’autore


Shane Barker
è un consulente di marketing digitale specializzato in influencer marketing, content marketing e SEO. È anche cofondatore e CEO di
Soluzioni per i contenuti
un’agenzia di marketing digitale. È stato consulente di aziende Fortune 500, di influencer con prodotti digitali e di numerose celebrità della A-List.

Cercate altri grandi contenuti come questo? Di seguito abbiamo raccolto un elenco di risorse correlate.