eDesk logo

La guida definitiva per ridurre l’abbandono del carrello

Gennaio 13, 2023 15 min read
The ultimate guide to reducing cart abandonment cover
Contents

Share this article

Non c’è niente di più frustrante che avere un alto tasso di abbandono del carrello e non sapere quale sia il problema, tanto meno come risolverlo. La realtà è che se i vostri potenziali clienti abbandonano il carrello, potreste perdere migliaia di dollari al mese.

Per fortuna, è abbastanza facile affrontare le potenziali cause dell’abbandono del carrello e ottenere il massimo dai vostri contatti. Qui abbiamo condiviso i modi migliori per ridurre l’abbandono dei carrelli con le richieste di chat dal vivo, le spese anticipate, un processo di checkout senza soluzione di continuità e altro ancora.

TL;DR

  • L’abbandono del carrello si verifica quando gli acquirenti online aggiungono articoli al loro carrello, ma non riescono a superare la pagina di checkout.
  • Migliorare la fidelizzazione dei clienti e prevenire l’abbandono del carrello è essenziale per ottenere il massimo valore da ogni lead e aumentare le conversioni senza aumentare le spese di marketing.
  • Potete ridurre l’abbandono del carrello utilizzando la live chat e i follow-up via e-mail per ricordare ai clienti i loro carrelli, facendo capire ai clienti che siete affidabili e migliorando la velocità e la facilità del processo di checkout.

Che cos’è l’abbandono del carrello?

Abbandono del carrello su mobile

L’abbandono del carrello è usato per descrivere un cliente che lascia un sito di e-commerce senza completare l’azione desiderata (di solito il checkout).

Gli acquirenti online possono abbandonare il carrello per una serie di motivi, tra cui la mancanza di fiducia nel venditore, una pagina di checkout goffa o difettosa, costi di spedizione imprevisti, la ricerca di un prodotto più economico altrove o la dimenticanza dell’acquisto.

L’importanza di ridurre l’abbandono del carrello

Quando i clienti raggiungono la fase finale del loro percorso d’acquisto – l’aggiunta di articoli al carrello – il vostro lavoro dovrebbe essere finito. I clienti dovrebbero essere già pronti a spendere i loro soldi e ad entusiasmarsi per i vostri prodotti. Quindi, se abbandonano il carrello all’ultimo minuto, sono guai.

Ridurre l’abbandono del carrello è essenziale se si vuole concludere l’affare con i clienti che sono già interessati alla vostra offerta. Riducendo al minimo il tasso di abbandono del carrello, potrete:

  • Ottenere più valore da ciascuno dei vostri contatti
  • Aumentare il tasso di conversione (la percentuale di visitatori del vostro sito web che convertono)
  • Ridurre il costo di acquisizione dei clienti
  • Fare più vendite facendo e spendendo meno

I metodi migliori per ridurre l’abbandono del carrello

Utilizzate questi 12 metodi per ridurre efficacemente l’abbandono del carrello nel vostro negozio di e-commerce.

Utilizzare i segnali di fiducia

I vostri clienti potrebbero amare l’aspetto dei vostri prodotti tanto da aggiungerli al carrello, ma se non sanno che possono fidarsi di voi, potreste perderli all’ultimo ostacolo.

I clienti sono scoraggiati da un sito inaffidabile, soprattutto quando si tratta del processo di pagamento. Poco meno del 20% dei clienti che hanno rinunciato a un acquisto ha addotto come motivazione “problemi di sicurezza del pagamento”. Ciò significa che perdete circa un quinto dei vostri clienti se avete un processo di checkout poco accurato.

Ci sono alcuni modi per dimostrare la vostra affidabilità come negozio di e-commerce: utilizzare misure di sicurezza standard del settore, dimostrare che proteggete i dati dei vostri clienti e includere i seguenti segnali di fiducia sul vostro sito web:

  • SSL – preferibilmente a livello di sito, almeno al momento del pagamento.
  • Badge di sicurezza, come TrustedSite e GeoTrust. Ovviamente, dovreste visualizzare queste immagini solo se utilizzate questi programmi di sicurezza e se il vostro sito web è veramente sicuro.
  • Immagini per mostrare che disponete di opzioni di pagamento affidabili per i clienti (come varie carte di credito e opzioni di pagamento, come PayPal).

La fiducia può essere ottenuta anche attraverso la riprova sociale. Incoraggiate i clienti a lasciare recensioni sui prodotti nel vostro negozio online con incentivi come sconti sul prossimo acquisto. Più recensioni positive leggono i visitatori su un prodotto, più sono convinti che il prodotto soddisfi le aspettative dei clienti in termini di qualità e valga la pena di essere acquistato. Allo stesso modo, lavorate sulla prevenzione dei reclami dei clienti per evitare che le recensioni negative intasino il vostro sito web.

In definitiva, eliminare l’incertezza pre-acquisto è uno dei modi migliori per ridurre l’abbandono del carrello e per farlo è necessario evocare la fiducia nel proprio marchio e nei propri prodotti.

Semplificare il processo di checkout e offrire il checkout per gli ospiti

Nell’odierno mondo frenetico degli acquisti con un solo clic, un processo di checkout lento o macchinoso potrebbe essere sufficiente a innescare l’abbandono del carrello della spesa online.

La maggior parte di noi si è trovata dalla parte del cliente in un flusso di cassa da migliorare. Forse siete stati reindirizzati alla vostra applicazione di online banking, per poi tornare alla pagina di pagamento e trovare una notifica di errore “timed out”. O forse, una volta raggiunta la pagina delle opzioni di pagamento, la pagina web si è trasformata in una goffa pagina di checkout da sito web dei primi anni 2000.

Non fate affidamento sul fatto che i vostri clienti abbiano la pazienza di superare il processo di checkout. Potrebbero semplicemente annoiarsi e guardare altrove, o temere che un processo di checkout complicato significhi in qualche modo che non siete legittimi.

Ci sono alcuni modi per semplificare il processo di checkout e portare i clienti da A a B più velocemente:

  • Consentite ai clienti di pagare con uno strumento di elaborazione dei pagamenti integrato (come PayPal Express e Apple Pay) o di scegliere i dati della loro carta di credito per consentire i pagamenti con un solo clic.
  • Consentite all’utente di scegliere le date (ad esempio il proprio compleanno) da un calendario integrato o da un menu a tendina, anziché digitare i numeri.

Incoraggiate i clienti a completare il processo di checkout con una barra di avanzamento che mostri loro quanto devono ancora fare.

Inoltre, se non lo fate già, assicuratevi di offrire opzioni di checkout come ospiti. Quasi la metà (43%) dei clienti preferisce effettuare il checkout come ospite piuttosto che preoccuparsi di creare un account e inviare dati non necessari.

Non costringete i visitatori a creare un account nella speranza di incoraggiarli a diventare clienti a lungo termine, perché potrebbe spaventarli fin dall’inizio. Il checkout ospite non vi svantaggia, in ogni caso, poiché gli ospiti forniscono il loro indirizzo e-mail quando assicurano il loro ordine.

Offrire più opzioni di pagamento

Opzioni di pagamento

Oggi ci sono molti modi per pagare ciò che non ci si può permettere, ma la realtà è che i clienti sono meno propensi ad acquistare i vostri prodotti se non possono permetterseli o giustificarli. E se molti dei vostri clienti decidono che i vostri prodotti costano troppo, anche se li amano, il vostro tasso di abbandono del carrello online salirà.

Che differenza c’è tra “permettersi” e “giustificarsi”? Per quanto riguarda l’acquisto, un cliente deve avere fisicamente il denaro per comprare qualcosa. Per quanto riguarda la giustificazione, il cliente potrebbe avere i soldi, ma pensa che il prezzo sia troppo alto in base alla propria percezione di quanto dovrebbe costare quel prodotto o di quanto è disposto a spendere per l’articolo.

Non si può incantare il denaro nelle tasche dei clienti. Quello che potete fare, però, è mettere i clienti in condizione di permettersi e giustificare l’acquisto dei vostri prodotti.

Tutti i grandi rivenditori online consentono ai clienti di pagare con diverse opzioni di pagamento, comprese le carte di credito. Esistono anche strumenti come Klarna e Afterpay, che possono essere facilmente integrati nel vostro flusso di cassa e consentono ai clienti di acquistare prodotti e pagarli in un secondo momento.

Queste caratteristiche risolvono il problema dell’accessibilità economica e dovrebbero interessare anche le persone che non possono giustificare il pagamento anticipato di una somma così elevata per il vostro prodotto.

A cosa si riduce tutto questo? Se volete evitare che i clienti abbandonino il carrello all’ultimo minuto dopo aver deciso che non possono permettersi (o giustificare) il vostro prodotto, dovete offrire loro numerose opzioni di pagamento.

Migliorare la velocità di caricamento del sito web

Grazie alla rapida evoluzione dello spazio digitale, gli utenti online si aspettano una gratificazione immediata. Quasi il 70% degli utenti di Internet afferma che la volontà di acquistare da un negozio online è influenzata dalla velocità di caricamento della pagina, quindi un tempo di caricamento lento potrebbe contribuire ai vostri tassi di abbandono del carrello più alti del solito.

Supponiamo che un potenziale cliente abbia visto un prodotto che gli piace molto su uno dei vostri banner pubblicitari. I clienti cliccano sull’annuncio e vengono inviati al vostro sito web, per poi ritrovarsi con una pagina vuota e un’icona di caricamento.

Potrebbero rimanere per qualche minuto, magari per leggere un paio di recensioni e aggiungere il prodotto al carrello. Ma poi cliccano sul carrello per effettuare di nuovo il check-out, ed ecco di nuovo la pagina bianca e l’icona di caricamento.

A questo punto, il cliente ha percepito uno schema. Si presume che se ci vuole così tanto tempo per navigare sul vostro sito web e poi per raggiungere il carrello, dovranno aspettare il caricamento in ogni altra fase del flusso di acquisto (il che è probabilmente vero).

Anche se semplificate il processo di checkout con un’opzione di checkout ospite, il cliente medio impaziente non vorrà perdere tempo ad aspettare il caricamento delle pagine. Nel loro fastidio, potrebbero decidere di non volere così tanto il vostro prodotto, e sapete cosa succede dopo.

Un sito web veloce deve permettere ai clienti di muoversi rapidamente attraverso il processo di checkout, senza lasciare spazio a dubbi. Inoltre, un sito web più reattivo può incoraggiare i clienti a navigare più a fondo prima di effettuare il check-out. Quindi, non solo ridurrete il tasso di abbandono del carrello, ma potreste anche ottenere più ordini per acquisto.

Prezzi competitivi per i vostri prodotti

La competitività dei prezzi è una delle tattiche di marketing per l’e-commerce più elementari che spesso si dimenticano. Vale la pena di valutare i vostri prezzi almeno una volta al mese e verificare che siate ancora competitivi nel vostro mercato.

Se i vostri prodotti hanno un prezzo superiore a quelli della concorrenza, un cliente intelligente aggiungerà semplicemente il vostro articolo al carrello, aprirà una nuova scheda e cercherà lo stesso articolo su Google. Se possono trovarlo a un prezzo inferiore, abbandoneranno la pagina del carrello del vostro sito web e acquisteranno il prodotto da qualcun altro.

Naturalmente, non si tratta di una corsa al ribasso. Non dovete vendere i vostri prodotti a un prezzo inaspettatamente basso: questo potrebbe addirittura indurre i vostri potenziali clienti a diffidare. Assicuratevi che i vostri materiali di marketing trasmettano accuratamente il valore dei vostri prodotti, in modo che i clienti capiscano esattamente per cosa stanno pagando.

Potete anche cercare di ridurre i costi di spedizione, in modo da ottenere il massimo da ogni prodotto venduto.

In breve: non sottovalutate i vostri prodotti, ma assicuratevi di rimanere competitivi nel vostro settore. Questo dovrebbe contribuire a ridurre il tasso di abbandono del carrello, perché i clienti non troveranno i vostri prodotti significativamente più economici altrove.

Non riuscite a commercializzare i vostri prodotti come se valessero la pena? Assicuratevi di conoscere le 20 tattiche di marketing eCommerce essenziali per quest’anno. Con i prezzi giusti e il marketing per sostenere i costi, dovreste convalidare l’esperienza di acquisto online dei vostri clienti e ridurre l’abbandono del carrello.

Ricordare ai clienti i loro carrelli e offrire offerte dell’ultimo minuto

Schermata di eDesk: https://www.edesk.com/chat/

Con le tante opzioni di acquisto online disponibili oggi, è sorprendentemente facile per i clienti dimenticare gli articoli nel carrello.

Ciò accade soprattutto durante le festività natalizie o durante i grandi giorni di shopping online, come il Black Friday e il Cyber Monday, quando è probabile che i clienti aggiungano più articoli a più cestini in preda alla frenesia dello shopping, per poi essere distratti da un’offerta migliore altrove e dimenticarsi di metà delle schede aperte.

Inoltre, una buona parte dei clienti sa di avere il carrello della spesa ma semplicemente non vuole acquistare. Infatti, oltre la metà (58,6%) ha dichiarato di aver abbandonato il carrello perché stava solo navigando.

Come si può incoraggiare i clienti a spendere prima che si dimentichino o perdano interesse, riducendo così l’abbandono del carrello? Avete bisogno di modi intelligenti per ricordare ai clienti il loro ordine.

Un metodo efficace è quello di utilizzare i suggerimenti della chat dal vivo per inviare ai clienti promemoria sugli articoli del loro ordine. In questo modo, se i clienti hanno ancora la vostra scheda aperta ma stanno navigando altrove, potete richiamarli al vostro sito web con un suono di notifica o una scheda lampeggiante sulla barra delle applicazioni. Potreste anche offrire un piccolo sconto a tempo limitato per incoraggiare i clienti più titubanti a versare i loro contanti.

Per i clienti che hanno già lasciato il vostro sito web, non dovete ancora perdere le speranze. Se tutto va bene, state catturando gli indirizzi e-mail dei vostri contatti e li state aggiungendo alla vostra lista e-mail, in modo da poter inviare ai vostri clienti un’e-mail di promemoria sugli articoli dimenticati.

È una buona idea inviare due e-mail: una il giorno successivo all’abbandono del carrello da parte del cliente e una verso la fine del mese, intorno al giorno di paga, quando è più probabile che il cliente sia più fluido nella spesa. Non è necessario inviare manualmente queste e-mail: risparmiate tempo e fatica e impostate un sistema automatico con una casella di posta intelligente.

In definitiva, ricordare ai clienti il loro ordine e offrire sconti a tempo limitato non garantisce di ridurre ogni volta l’abbandono del carrello, ma di certo dovrebbe aiutarvi a ridurre questi numeri.

Siate sinceri sulle vostre tariffe

Dal punto di vista del cliente, non c’è niente di peggio che farsi prendere la mano da un prodotto e navigare fino alla fine del processo di checkout, per poi scoprire una tassa a sorpresa che fa rientrare l’acquisto complessivo in una fascia di prezzo ingiustificabile.

Il vostro sito web potrebbe aver bisogno di spese di spedizione e di spese minime per rimanere a galla, soprattutto all’inizio. Ma assicuratevi che queste tariffe siano evidenti fin dal momento in cui i clienti visitano il vostro sito web. Volete che i clienti siano preparati a sostenere tutti i costi legati alla loro esperienza di acquisto online presso di voi, in modo che non vi siano spese sconcertanti al momento del checkout.

Non pensate che l’aggiunta di una tassa di spesa minima a sorpresa per i piccoli ordini incoraggi i clienti a spendere semplicemente un certo importo per evitare tale tassa. Alcuni clienti potrebbero farlo, ma altri potrebbero fare solo un piccolo ordine perché è tutto ciò che possono permettersi o che possono giustificare la spesa. Il costo minimo di spesa probabilmente indurrà i clienti ad alzare le sopracciglia e a chiudere la scheda, aumentando il tasso di abbandono del carrello.

Almeno se la tariffa minima di spesa è indicata sulla homepage del sito e sulle pagine dei prodotti, i clienti iniziano a fare acquisti sapendo che devono spendere un certo importo per evitare un costo aggiuntivo, quindi non perderanno tempo se il loro budget è limitato.

Per quanto riguarda le spese di spedizione, non pensiamo che siano necessarie. L’ideale sarebbe applicare un prezzo leggermente più alto ai prodotti e pubblicizzare il fatto che la spedizione è gratuita su tutto il sito web.

Quasi tre quarti dei clienti (66%) non solo preferiscono la spedizione gratuita quando fanno acquisti online, ma la pretendono. Quando si offre la spedizione gratuita, si evita di spaventare i clienti con costi di spedizione inaspettatamente elevati e si dà loro la sensazione di risparmiare (anche se si spende di più per il prodotto stesso).

E le tasse? Aggiungeteli direttamente alle spese iniziali del prodotto, sempre per evitare sorprese indesiderate alla fine del processo di checkout.

In sostanza, è meglio cercare di evitare del tutto i costi aggiuntivi, ma se si deve ricorrere a tali costi, mostrarli in punti evidenti del sito web dovrebbe aiutare a ridurre al minimo l’abbandono del carrello.

Usare popup con intenzione di uscita

Abbiamo già parlato di come incoraggiare i potenziali clienti a tornare sul vostro sito web per completare un acquisto. Ma come si può evitare che i clienti abbandonino il vostro sito web?

Provate a utilizzare i popup con intenzione di uscita.

Un exit-intent popup è un popup che appare sullo schermo quando il cliente sposta il mouse sulla freccia “indietro” o su una nuova scheda, oppure esce dalla pagina. L’utilizzo di popup con finalità di uscita può “salvare” circa il 10-15% dei potenziali clienti, ovvero evitare che lascino il vostro sito e abbandonino il carrello.

I posti migliori per inserire i popup di uscita sono le pagine di prodotto e di pagamento. In questo modo, se un cliente decide di cambiare idea all’ultimo momento, potete proporgli un’offerta irresistibile che lo incoraggi a rimanere.

Qual è un buon sconto da offrire in un popup exit-intent? Una percentuale compresa tra il 5 e il 15% dovrebbe essere sufficiente a catturare l’attenzione dell’utente. Sì, l’offerta di uno sconto dell’ultimo minuto fa perdere un po’ di fatturato. Ma se si tratta di scegliere tra nessun cliente e clienti che pagano un po’ meno per i vostri prodotti, non c’è dubbio.

Offrire uno shopping facile per i dispositivi mobili

Negozio mobile friendly

Poco più della metà (55,4%) degli utenti di Internet fa acquisti online con il cellulare, quindi se il vostro sito web non è ottimizzato per l’uso mobile, potrebbe spiegare perché il vostro tasso di abbandono del carrello della spesa è più alto di quanto dovrebbe essere.

Forse la navigazione del vostro sito web è appena gestibile per gli acquisti, ma i clienti abbandonano il carrello una volta raggiunte le pagine di pagamento a causa di una schermata di pagamento quasi impossibile da navigare, con caratteri minuscoli e formattazione dappertutto. Sarebbe un peccato perdere gli acquirenti a questo punto del percorso del cliente, quindi non archiviate la vostra compatibilità con i dispositivi mobili come una bassa priorità.

Lo shopping mobile-friendly non solo manterrà i clienti sul vostro sito web, ma li incoraggerà a tornare. Se il design del vostro sito web è perfetto per gli utenti mobili, i clienti potrebbero decidere di dare un’occhiata ai vostri prodotti più recenti mentre si rilassano davanti alla TV, viaggiano in autobus o camminano sul tapis roulant.

È molto più facile tirare fuori il telefono e iniziare a navigare che accendere un computer o un portatile, da qui l’importanza di non spaventare i visitatori con un sito web mal formattato.

Pensiamo che dovreste dotarvi di un’app per lo shopping mobile? Dipende. Se siete un grande negozio che offre centinaia-migliaia di articoli, un’applicazione mobile potrebbe essere utile per voi. I negozi e i mercati di moda online tendono a dare il meglio di sé con un’applicazione mobile.

Se avete un’attività online di piccole e medie dimensioni, è meglio concentrarsi sull’ottimizzazione del sito web per i dispositivi mobili, piuttosto che creare un’applicazione separata. La maggior parte dei clienti non vuole preoccuparsi di scaricare un’app, quindi se offrite un’app solo per ottimizzare gli acquisti, avrete problemi di acquisizione dei clienti oltre a quelli di abbandono del carrello.

Un sito web correttamente ottimizzato per i dispositivi mobili attirerà un maggior numero di clienti sul vostro sito web e porterà un maggior numero di clienti alle pagine di checkout, riducendo l’abbandono del carrello.

Offrire una spedizione veloce

Abbiamo già parlato dell’importanza della spedizione gratuita, ma che dire dei tempi di spedizione? Se i tempi di elaborazione e spedizione sono troppo lunghi, questo potrebbe essere il motivo per cui gli acquirenti online abbandonano il carrello sul vostro sito web.

Non possiamo tutti offrire i vantaggi della spedizione in giornata dei mercati globali come Amazon, ma avere un processo di spedizione efficiente è un must.

La finestra di consegna prevista dal cliente medio continua a ridursi. Ora, circa il 40% dei clienti dichiara che aspetterà fino a due giorni per gli ordini che prevedono una spedizione rapida, mentre solo il 12% aspetterà tra i cinque e i 14 giorni. Se i vostri clienti vanno alla cassa e scoprono che i vostri tempi di spedizione sono superiori a una settimana, potrebbero abbandonare il carrello a favore di un concorrente che offre una spedizione più rapida.

La spedizione e la consegna sono una delle vostre maggiori priorità. Puntate a spedire i vostri prodotti entro un giorno lavorativo dall’acquisto e inviate un’e-mail di spedizione automatica per informare il cliente. Da qui, l’obiettivo è di consegnare l’ordine entro tre-cinque giorni dalla spedizione, non meno di una settimana.

Naturalmente i tempi di consegna dipendono dalla località in cui si trova il cliente, ma quest’ultimo avrà comunque in mente una tempistica prevista in base alla sua esperienza di ordinazione presso i rivenditori online in passato.

Osservate i tempi medi di consegna nel vostro settore e visitate i siti web dei vostri concorrenti per vedere quanto velocemente consegnano gli ordini dei loro clienti. Non dovete fare meglio di chiunque altro (anche se otterrete dei punti premio se ci riuscite). Il vostro obiettivo è soddisfare le aspettative dei clienti. Questo dovrebbe evitare che i potenziali acquirenti si ritirino perché non vogliono aspettare tanto tempo per la consegna.

Condividere chiare politiche di restituzione e rimborso

Sappiamo già che essere chiari sulle tariffe è essenziale, e lo stesso vale per le politiche di restituzione e rimborso.

Gli acquisti online sono più rischiosi rispetto a quelli nei negozi di mattoni e cortili, perché con gli acquisti online si pagano gli articoli diversi giorni prima di riceverli effettivamente. Avere chiare politiche di restituzione e di rimborso significa rassicurare i clienti sul fatto che riavranno i loro soldi se non sono soddisfatti del loro ordine.

I clienti hanno bisogno di una prova che il loro investimento, grande o piccolo che sia, sia protetto. Se un cliente va a controllare la vostra politica di restituzione prima di spendere il suo denaro e scopre che la vostra politica è confusa o inesistente, potrebbe abbandonare il vostro sito web senza procedere all’acquisto.

D’altra parte, una politica di rimborso chiara e liberale o una lunga finestra di restituzione ispira fiducia, riducendo la probabilità di carrelli abbandonati sul vostro negozio di e-commerce e aumentando la fedeltà dei clienti.

Costruire un imbuto di vendita migliore

L’imbuto di vendita

L’imbuto di vendita di un eCommerce è molto importante. Non si può evitare il fatto che sia necessario un eccellente imbuto di vendita per garantire che il tasso di abbandono del carrello sia basso.

Per convertire un imbuto di vendita, è necessario trasformare un lead in un cliente. Ogni fase dell’imbuto deve essere preparata per attirare gli acquirenti online in diverse fasi del percorso del compratore.

Se il vostro imbuto di vendita è privo di caratteristiche importanti, i vostri clienti potrebbero arrivare solo fino a un certo punto del percorso dell’acquirente prima di abbandonare la nave.

Ricordate che le fasi del percorso dell’acquirente sono quattro: consapevolezza, interesse, desiderio e azione.

Se i visitatori del vostro sito web abbandonano il carrello, è probabile che abbiano raggiunto la fase di “interesse”, ma che stiano lottando per passare alla fase di “desiderio”, quella che li convince ad acquistare il vostro prodotto.

Come convincere i clienti a desiderare il vostro prodotto? Rendendolo desiderabile, cosa che si può ottenere con una copia di vendita di alta qualità sulle pagine dei prodotti. È il momento di investire in un copywriter professionista per scrivere titoli e descrizioni di prodotti vincenti per il vostro sito web. Trovate qualcuno che sappia scrivere in modo persuasivo e rafforzate ciò che dite di un prodotto con le recensioni dei clienti.

Creare pagine di prodotto che convertono manterrà i vostri clienti appassionati e interessati fino al raggiungimento delle pagine di checkout. Si tratta di un metodo sensato per ridurre l’abbandono del carrello sul vostro sito di e-commerce.

Conclusione

Individuare il motivo dell’abbandono del carrello non deve essere difficile. Pensate al motivo per cui avete abbandonato il vostro carrello su vari negozi online in passato, quindi chiedetevi se la vostra azienda online adotta misure per evitare questi problemi.

Adottando le misure necessarie per ridurre l’abbandono del carrello, potrete aumentare il vostro tasso di conversione, ridurre il costo di acquisizione dei clienti e, in definitiva, ottenere più valore dai vostri clienti senza aumentare la vostra spesa.

See our Privacy Notice for details as to how we use your personal data and your rights.

Vedi la nostra Informativa sulla privacy per i dettagli su come utilizziamo i tuoi dati personali e i tuoi diritti.